Fabio Cannavaro ha presentato il confronto interno tra Benevento e Bari in programma al Ciro Vigorito. Le sue dichiarazioni:

Forma fisica – “In questo periodo la squadra sta crescendo sul piano della condizione. In questa settimana abbiamo avuto qualche problema con Capellini e Schiattarella ma dovrebbe essere tutto risolto”.

Avversari – “Sarà una partita dura, sappiamo che anche in emergenza possiamo giocarcela come abbiamo fatto domenica scorsa contro il Pisa. Il Bari non ti permette di sbagliare soprattutto in difesa. Hanno degli attaccanti che possono castigarti in ogni momento. Ci siamo preparati bene in questa settimana, i ragazzi nell’ultima partita hanno dimostrato che quello che non può mai mancarci è la determinazione. Al di là di chi andrà in campo sarà fondamentale avere determinazione per tutti i novanta minuti”.

Partita – “Dobbiamo essere intelligenti e capire i momenti, se vogliamo andare anche a cento all’ora dobbiamo gestire bene quei momenti lì. Servono attenzione e coesione nella fase difensiva come in quella offensiva. Sono molto contento di come stanno lavorando i giocatori. Il Bari gioca con intensità ma sono convinto che anche in queste condizioni possiamo giocarcela”.

Mignani – “Farò gli onori di casa, mi fanno piacere le sue parole ma speriamo di giocarcela alla pari. Ha tutti i giocatori a disposizione, noi siamo un po’ in emergenza ma vogliamo fare una grande partita”.

Infermeria – “Solo col lavoro si esce da queste situazioni e per me è uno stimolo importante. Se sono stato chiamato è perché la situazione non era facile. Anche se non vivo la città di Benevento, le orecchie a Benevento ci sono sempre grazie al mio staff. La categoria mi interessa relativamente. Oggi questa situazione è ancora più stimolante di quando ho firmato.”.