Clemente Mastella usa un vecchio trucco oramai abusato: quando si trova in difficoltà tenta di  spostare l’attenzione dalle questioni delicate per nascondere le sue responsabilità. In questi giorni si scopre un nuovo focolaio tra i dipendenti dell’ ASIA che hanno fatto i tamponi con 40 giorni di ritardo. Mastella non commenta, come ha fatto anche per i focolai di contagio nella Polizia Municipale e all’Ospedale San Pio. Mastella non interviene neppure sui ritardi della ASL, i tempi dei tamponi, i dati sbagliati e gli affari del laboratorio privato che fa 1.000 tamponi in un giorno senza autorizzazione.

Il Sindaco invece chiede la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la Sicurezza Pubblica per vietare la circolazione dei pedoni in centro storico e di fatto chiudendo, senza averne titolo, le attività imprenditoriali e professionali presenti in quella parte della città. Infatti, con l’ Ordinanza n.  110869 ha disposto : “ la chiusura al pubblico in tutti i venerdì, i sabati e le domeniche, nonché nei giorni festivi e prefestivi, dalle ore 18,00 alle ore 22,00, delle sotto indicate strade e piazze cittadine, fatta salva la possibilità di accesso e di deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private:

Corso Garibaldi e relative piazze e traverse, segnatamente via Traiano comprese le aree circostanti l’Arco, nonché piazza Roma e via Annunziata (spazio antistante l’ingresso di Palazzo Mosti).

Non chiarisce se sono vietate dopo le 18,00   le visite ai cittadini che abitano in centro storico. Consente l’accesso ai negozi ma non si può andare agli studi professionali (medici, avvocati, ragionieri, tecnici, commercialisti, assicuratori, ecc) e  neppure presso la sede di qualunque attività imprenditoriale.

Questo succede quando la città è amministra da un sindaco che si preoccupa solo di apparenza.