Prenderà il via a San Salvatore Telesino il prossimo 12 settembre, ogni sabato e domenica, la “Festa dello Struppolo”. Il motto è “Gusto, Storia e Paesaggio”. Un’ edizione del tutto inedita ma che prova a lanciare una formula innovativa per quanto riguarda anche la promozione del territorio. A curarne ogni aspetto è l’associazione turistica Pro Loco di San Salvatore Telesino che, insieme alla collaborazione di ristoratori, associazioni e soggetti impegnati nella promozione del territorio, propone ai visitatori numerose attività.

Al centro dell’iniziativa, pertanto, non solo lo struppolo e le eccellenze agroalimentari che caratterizzano il territorio ma anche le bellezze del borgo telesino: l’Abbazia Benedettina del Santo Salvatore e l’Antiquarium, la Pinacoteca dedicata a Massimo Rao, Il sito archeologico di Telesia e l’Anfiteatro, l’area naturalistica e archeologica di Monte Pugliano.

I volontari della Pro Loco San Salvatore Telesino garantiranno l’apertura dell’Abbazia Benedettina del Santo Salvatore offrendo accoglienza ai visitatori e adeguato supporto informativo.

Sarà possibile visitare la Pinacoteca dedicata Massimo Raograzie alla partecipazione e collaborazione dell’associazione Massimo Rao, effettuare trekking e percorsi natura, attività organizzate e gestite dall’associazione A.S.D. Sannio Escursioni, alla scoperta delle bellezze paesaggistiche di Monte Pugliano. L’associazione Legambiente Valle Telesina, invece, offre ai visitatori la possibilità di effettuare passeggiate nell’area naturalistica e archeologia di monte Pugliano e camminare tra le mura dell’antica città sannitica di Telesia. Si potranno fare due passi, inoltre, nell’affascinante parco del Grassano, perla naturalistica della Valle telesina, rilassarsi e godere di scorci incantevoli prima di recarsi al ristorante per il pranzo.

Insomma, una edizione nella quale saranno i turisti, divisi in gruppi e nel pieno rispetto delle norme anticontagio, che andranno scovare angoli, profumi e sapori di questo lembo di Sannio dalla storia millenaria.

Ogni weekend, a turno, un ristorante (La Corte Grande, Corte Ciervo, La locanda della Pacchiana, Azimut Enosteria, Il Burbero) presenterà un menù composto da antipasto, primo, secondo, pre dessert/dessert. Il protagonista indiscusso sarà “lo Struppolo” proposto dai cuochi locali in originali e diverse varianti insieme ai prodotti di eccellenza del territorio e ai piatti della tradizione tipica. Durante il pranzo si potrà assistere a spettacoli di show-cooking riguardanti la preparazione dello struppolo.

E’obbligatoria la prenotazione sia per gli eventi che per il pranzo che avrà un costo di 30 euro. Per ogni informazioni è possibile rivolgersi alla Pro Loco contattando il numero 0824948144.