Due le belle notizie in casa granata. Il recupero ormai certo del marocchino Sofian Kiyine, che torna arruolabile per la gara di lunedì contro il Benevento come anche Giannetti e la corsa al biglietto dei tifosi. Ieri sera è stata già raggiunta quota 8.000, pertanto facile prevedere il pienone all’Arechi con i granata che giocheranno con il classico uomo in più. Intanto a centrocampo per sostituire Akpa Akpro ci sono le ipotesi Maistro o Dziczek, rientrato dalla nazionale. Per lui però difficile prevedere l’utilizzo dall’inizio perché la convocazione in nazionale under 21, non gli ha permesso di sfruttare le due settimane di sosta per una full immersion sul calcio italiano facilitata dalla presenza in panchina di un grande allenatore. Le qualità di questo talento polacco, tuttavia, sono fuori discussione e le caratteristiche si sposano perfettamente con lo stile di gioco di Ventura, da tempo in attesa di un regista che renda imprevedibile la manovra, che detti i tempi e che rappresenti un punto di riferimento a tutto campo. A partire da oggi e fino alla vigilia della sfida col Trapani per lui è previsto un lavoro supplementare: atletico, tattico e…culturale, dal momento che sta facendo di tutto per migliorare l’italiano e ambientarsi ulteriormente. Ventura lo terrà sotto la lente di ingrandimento guidandolo nel suo percorso di crescita, la sensazione è che nel tempo possa diventare un titolare pur senza togliere il posto a Di Tacchio, non a caso riprovato nel ruolo di mezz’ala già ricoperto con Entella, Pisa ed Avellino. Una freccia in più a favore della Salernitana, un calciatore che potrà colmare una lacuna cronica se confermerà sul campo quanto detto da tutti gli addetti ai lavori