Su un terreno di gioco pesante e in una serata piovosa e ventilata il Benevento si conferma capolista inattaccabile. Anzi come speravano tutti è andato in fuga solitaria. Netta, meritata e convincente la vittoria contro un Empoli che sulla carta è sicuramente una delle migliori formazioni del campionato, ma che al Vigorito non ha confermato questo biglietto da visita. Il Benevento ha dominato in lungo ed in largo con Montipò che non ha dovuto compiere interventi difficili. Entrambi nel primo tempo i gol che hanno deciso il match con i sanniti che per la settima gara su undici hanno chiuso senza incassare reti. La squadra toscana ha mostrato poco peso offensivo ma soprattutto è stata soppiantata a livello di grinta e fisicamente dai giallorossi che hanno mostrato anche maggiore voglia e convinzione. Un successo dal valore inestimabile che fa sognare ad occhi aperti. Del resto Maggio e compagni stanno avendo un cammino davvero esaltante e regolare contrariamente alle dirette concorrenti che vivono di alti e bassi. Al 15′ il gol che ha messo in discesa la temuta gara. Angolo dalla sinistra di Kragl con Tuia che al centro dell’area ha impattato la sfera quasi solitario schiacciando a terra battendo Brignoli con la sfera finita all’angolino sinistro. La conferma del magic moment dell’ex granata. Il raddoppio al 29′ con lo stesso Kral. Quindi si può dire che alla mezzora la pratica era già chiusa. Il tedesco ricevuta palla sulla trequarti centralmente è partito in velocità e dopo aver superato un uomo ha lasciato partire un bolide che appena toccato terra davanti all’ex Brignoli è schizzato sotto le sue mani finendo in rete. Inzaghi per l’occasione ha effettuato un mini turnover inserendo rispetto al match con la Cremonese Sau che però non è apparso al meglio, Schiattarella per Hetemaj e Maggio in difesa.  

Benevento-Empoli 2-0

Benevento (4-4-2): Montipò; Maggio, Tuia, Caldirola, Letizia; Kragl, Schiattarella, (72′ Hetemaj), Viola, Tello, (82′ Antei); Coda, Sau, (67′ Insigne). A disp. Del Pinto, Di Serio, Gori, Gyamfi, Improta, Manfredini, Rillo, Vokic. All. Inzaghi

Empoli (4-3-2-1): Brignoli; Gazzola, (53′ Veselj), Romagnoli, Maietta, Balkovec; Frattesi, Stulac, (56′ Ricci), Bandinelli, (56′ Merola); Laribi, Dezi; Mancuso. A disp. Antonelli, Bajrami, Fantacci, Nikolau, Perucchini, Pirrello, Piscopo, Provedel. All. Bucchi

Arbitro: Ghersini di Genova (Fiore-Pagnotta) 4° uomo Robilotta di Sala Consilina

Reti: 15′ Tuia, 29′ Kragl

Note: Ammoniti: Letizia. Serata piovosa e ventilata. Spettatori paganti 9.222 di cui 7.805 abbonati. 55 i supporters ospiti