lovearth_IMG_0798Avrà inizio oggi, martedì 28 aprile, lo scambio giovanile europeo ‘LovEarth through art-new approaches for social inclusion’ ideato e organizzato dalla Cooperativa sociale Immaginaria Onlus di Benevento e co-finanziato dall’Unione europea col programma Erasmus Plus. Si tratta di un progetto di mobilità internazionale che darà l’occasione a 21 giovani, provenienti da Italia, Lettonia e Lituania, di imparare, condividere e sviluppare nuove metodologie di inclusione sociale attraverso l’uso di strumenti artistici, in particolare il teatro, la musica e la danza. I partecipanti arriveranno al Convento Francescano di San Giorgio del Sannio e resteranno nel Sannio fino al 6 Maggio. Essi saranno accolti dalla Cooperativa Immaginaria, un’organizzazione che da anni opera nel settore dell’animazione socio-culturale in aree di disagio e che ha maturato nel tempo anche una forte esperienza di mobilità internazionale. Lo staff di Immaginaria -composto da operatori esperti in dinamiche di personal e social development realizzate attraverso metodologie di educazione non formale (learning by doing, peer to peer, coaching…) – guiderà i 21 giovani al raggiungimento dell’obiettivo principale progetto. Focus di ‘LovEarth through art – new approaches for social inclusion’ è quello di attivare processi sociali e individuali volti all’autonomia, alla socializzazione, e alla leadership di giovani socialmente svantaggiati. Un nuovo approccio capace di trasformare la partecipazione di giovani appartenenti a classi disagiate da passiva ad attiva, offrendo loro nuove abilità e responsabilità. Durante i 7 giorni di attività essi saranno chiamati a creare e curare in autonomia laboratori e workshop di teatro, danza e musica così da sviluppare creativamente attività e strumenti di partecipazione giovanile e d’integrazione sociale.

Nato nel 2009, il concept ‘LovEarth through Art’ è diventato negli anni il ‘marchio’ della visione della Cooperativa Sociale Immaginaria sintetizzabile in ‘Arte al servizio dell’integrazione sociale’ permettendo alla Onlus sannita di progettare e realizzare altre tre importanti esperienze di mobilità europea. Ovvero, due scambi multilaterali in Italia nel 2011 e 2013 dal titolo ‘LovEarth through Art”e LovEarth through Art II’, in cui un gruppo di 30 ragazzi provenienti da varie nazionalità è riuscito, nel primo, a creare strumenti musicali attraverso il riuso dei rifiuti, e, nel secondo, ad integrarsi ed integrare gli anziani in attività teatrali, danzanti e musicali; e un training course chiamato ‘LovEarth through Art, musical activities for youth workers’ che si è tenuto a Berlino nel Dicembre 2014, in partenariato con l’istituto tedesco FEZ, sull’apprendimento, condivisione e sviluppo di nuovi metodi di inclusione sociale attraverso attività musicali. Questo 4° progetto, dunque, si inserisce all’interno di un percorso coerente di miglioramento dell’offerta culturale e sociale condotto dalla Cooperativa Immaginaria che invita tutti coloro che sono interessati a seguire gli aggiornamenti sulle sue pagine web: www.cooperativaimmaginaria.it e sui suoi social network.