avanti-tuttaI numeri dicono che il Benevento è tra le formazioni della serie B che hanno perso di meno. Il campo, giudice supremo, lancia messaggi ancora più incoraggianti. La squadra giallorossa nelle ultime due uscite ha allungato il passo riscattandosi nel migliore dei modi dal terribile turno infrasettimanale di Trapani, forse unico episodio del tutto negativo in un avvio di campionato straordinario per una neopromossa.

La Strega non solo è uscita sconfitta dal campo sole tre volte (meglio hanno fatto soltanto Verona ed Entella) ma è anche riuscita a capitalizzare al massimo le occasioni avute. Su sei successi in ben tre frangenti ha trionfato 1-0, e quando ha vinto non ha mai incassato gol.  Gli ultimi due confronti con Spezia e Ternana lo mettono in evidenza, con i gol di Chibsah e Ceravolo a valere 6 punti in due. Al Liberati ci ha pensato poi uno straordinario Ghigo Gori a mettere in ghiaccio un punteggio che, almeno in ottica salvezza, a lungo andare potrebbe rivelarsi decisivo.

La prestazione della difesa in Umbria è stata encomiabile, e quando qualche disattenzione ha fatto capolino ci ha pensato il Batman giallorosso a dire di no salvando su Defendi, Di Noia e Di Livio. La risposta più genuina all’assenza di Cragno, uno dei migliori portieri emergenti del panorama nazionale che proprio a causa di questo suo merito viene spesso allontanato dal campionato per rispondere agli impegno dell’under 21. Non ci sarà neanche col Cittadella, altra matricola terribile di un avvio di stagione ricco di sorprese. I veneti sono secondi a cinque lunghezze dal Verona e si presentano al Vigorito nelle stesse condizioni psicologiche della squadra di Baroni. Anche i granata, infatti, hanno vinto le ultime due gare battendo il Latina e la Salernitana, entrambe messe ko sul terreno amico del Tombolato. Lucioni e compagni dovranno inoltre prestare attenzione al ruolino esterno del “Citta”, che in trasferta è stato in grado di raccogliere ben 13 punti in 6 uscite per una media superiore ai due punti a confronto scaturita da ben 4 successi, un pareggio e una sconfitta.  Nelle ultime due uscite lontano da casa la tendenza si è abbassata a causa della sconfitta di Perugia e del pari con lo Spezia, ma i risultati restano da incorniciare. Il Benevento, dal suo canto, ha reso il Vigorito un fortino inespugnabile essendo una delle poche squadre del torneo a non aver mai alzato bandiera bianca in casa al pari di Latina, Brescia, Entella e Frosinone. La difesa fino a questo momento è risultata essere la migliore della categoria tra le mura domestiche con un solo gol subito in 6 partite.

E tra l’altro ha preso gol solo su un rigore, quello di La Mantia nel primo turno infrasettimanale contro la Pro Vercelli.  Due neopromosse – il Benevento e il Cittadella – che giocano e pensano da squadre navigate della categoria. E da squadra matura quella di Baroni dovrà affrontare il doppio impegno casalingo con Cittadella e Brescia per provare a trarne il maggior profitto possibile. Se le cose dovessero andare secondo il migliore degli auspici, il balzo in classifica sarebbe assicurato, ma occhio a non dare nulla per scontato. Nel torneo cadetto non c’è tempo di abbassare la guardia. E allora avanti tutta, senza mai guardarsi indietro.

Francesco Carluccio per CorriereSannita

Scarica qui il numero 6 completo di GialloRossi news numero6web