L’Accademia Volley torna in Serie B2.

E’ questo il verdetto emesso da gara 3 della finale play off disputata ieri al Rampone di Benevento dove la squadra beneventana ha battuto l’Ancis Villaricca con il punteggio di 3-0 (26-24, 25-18, 25-21).

Una partita sontuosa quella disputata dalle giallorosse, dagli altissimi contenuti tecnici e agonistici, contro un avversario che (non inganni il punteggio) ha forse giocato la sua migliore gara della serie finale dimostrandosi assolutamente all’altezza per questi palcoscenici e che esce a testa altissima nonostante la sconfitta. L’Accademia è partita anche stavolta leggermente contratta e timorosa, come già accaduto nelle due precedenti finali, d’altronde la posta in palio era altissima e fino a metà del primo set ha subìto l’iniziativa avversaria. Il punto del capitano De Cristofaro del 13-15 è però l’inizio della svolta per le padrone di casa che da quel momento cambiano decisamente marcia. Mirabilmente orchestrata da Maria Tenza, valore aggiunto fondamentale e lucidissima nell’affidare ogni pallone all’attaccante giusto, l’Accademia cresce in maniera evidente sia nella fase d’attacco ma soprattutto in quella di difesa, riuscendo a tenere sù palloni su palloni nonostante i pericolosi tentativi di Villaricca. Il muro di una spaziale Anna Pericolo, uno spettacolo di classe pura e cristallina e riferimento incontenibile per tutta la partita, che vale il 26-24 Accademia nel primo set è probabilmente la chiave di svolta per le giallorosse che da quel momento in poi iniziano la loro marcia trionfale fino alla B2.

La quarta vittoria stagionale delle giallorosse in cinque gare disputate certifica in qualche modo la superiorità dell’Accademia sul Villaricca a cui tuttavia va dato atto di essere notevolmente cresciuto rispetto alla gara del debutto in campionato al Rampone (era il 13 marzo) e di essere arrivato all’appuntamento decisivo in condizioni smaglianti. Ma di fronte c’era l’Accademia che serviva in una finale, l’Accademia che quando, oltre la tecnica, c’è da gettare il cuore oltre la rete non sbaglia mai.

Una squadra fantastica, che ha saputo gestire e convivere in maniera impeccabile con tutte le difficoltà legate al Covid e agli allenamenti mostrando grande spirito di sacrificio, capace di fare gruppo intorno all’obiettivo e a perseguirlo con tutte le proprie forze dall’inizio alla fine. Una squadra che ha saputo vincere quando c’era da vincere, dominare molte le partite con un gioco spumeggiante, che ha saputo soffrire, senza arrendersi, quando c’era da soffrire e che ha saputo rialzarsi prontamente dopo le sconfitte, dimostrando tutto il suo valore. Adesso lo possiamo dire: siamo in Serie B2.