IMG_1587Dal 1969 e 1972 furono sei le missioni Apollo che portarono l’uomo sulla Luna; sei voli spaziali che recuperarono ben 2200 campioni di roccia lunare, da sei siti diversi di esplorazione.
Per osservare da vicino e fotografare un frammento di Luna, non c’è bisogno che andiate a Houston, negli Stati Uniti, dove sono conservati i campioni di suolo lunare riportati sulla Terra dalle missioni Apollo fra il 1969 e il 1972: uno di questi frammenti di roccia lunare sarà a Circello, presso il Castello Medieval, il primo e il 2 giugno.

Le due date fanno parte del Tour italiano “Ti porto la Luna 2017”, ideato ed organizzato dal presidente ADAA (Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica) Luigi Pizzimenti.
La roccia lunare di questa terza edizione sarà un campione di Apollo 15 raccolto dall’astronauta James Irwin alla stazione 8. La roccia è un basalto lunare di circa 3,3 miliardi di anni fa. Questo pezzo di Luna è più antico del 98% di tutte le rocce presenti sulla superficie terrestre.
Per rendere l’evento circellese ancora più accattivante sono state ideate delle osservazioni di Luna Giove e Saturno in collaborazione con l’astronomo Antonio Pepe, direttore dell’Osservatorio Astronomico del Sannio (OAS).
Il 1° giugno la roccia arriverà a Circello e dalle 17.00 circa sarà esposta per i curiosi e gli appassionati che vorranno osservare e fotografare questo frammento di roccia lunare.
Intorno alle 21.00, tramite i telescopi dell’OAS, avranno inizio le suggestive osservazioni della Luna, di Giove e del meraviglioso Saturno, negli ultimi mesi al centro dell’attenzione per le rilevazioni della sonda Cassini.
Il 2 giugno alle 18.00 si terrà una conferenza scientifica dedicata al tema dell’esplorazione e dell’avventura, con l’intervento del presidente ADAA Luigi Pizzimenti e dell’astronomo sannita Antonio Pepe. Sempre dalle 21.00 si punteranno i telescopi nuovamente sul nostro satellite e sui due pianeti più affascinanti del nostro sistema solare.