La trattativa per l’arrivo nel Sannio del centrocampista Pasquale Schiattarella della Spal, 32 anni, è in stand by. La Spal, infatti, ha deciso di convocarlo per la partenza per il ritiro fissato per giovedì mattina, con lo stesso ds estense Davide Vagnati, tra l’altro ex giallorosso, che proprio nella serata di ieri ha tenuto a precisare che il giocatore non gli è stato mai chiesto dal Benevento e pare che la cosa non gli sia piaciuta. La sensazione è che il club sannita opportunamente non intende partecipare ad aste o sborsare indennizzi per il cartellino del giocatore in passato esterno di centrodestra di grande carattere e personalità e che negli ultimi mesi è quasi diventato un centrale. Insomma si sta valutando con attenzione estrema, ma questa è la settimana decisiva per la trattativa con Schiattarella. L’altra novità è che il Bari si sarebbe ritirato dalla corsa per Gaetano Letizia. Dopo aver fatto una proposta allettante al calciatore, il club pugliese ha deciso di mollare la presa per l’esterno napoletano. Determinante la richiesta economica avanzata dal Benevento che, nonostante il calciatore abbia il contratto in scadenza a giugno 2020 non era intenzionato a “liberarlo” a parametro zero. Per ora, dunque, la trattativa è saltata, ma è chiaro che da qui alla fine del mercato tutto può ancora succedere anche perchè il Bari per la fascia sinistra è in attesa di una risposta da Costa della Spal, incredibile l’intreccio con il club di Ferrara in questi primi giorni di mercato, che se sarà positiva vedrà appunto Letizia restare in giallorosso ed accettare anche la proposta di prolungamento. In questo caso si potrebbe pensare a un utilizzo di Kragl come mezzala sinistra anche se si tratterebbe di un ruolo in parte inedito. In uscita, invece, tutto fatto per la cessione di Donnarumma: il regista di Castellammare di Stabia ha prolungato il contratto di un anno, prima di firmare con il Picerno sodalizio con il quale si è creata una linea calda visto che anche Filogamo è destinato in Lucania.