I posti auto adibiti a parcheggio nel piazzale retrostante i Distinti dello stadio Vigorito, secondo una stima molto attendibile, non dovrebbero essere più di 400-450 e quindi non saranno molti gli sportivi che potranno usufruirne. Giusto per fare un esempio su un’utenza potenziale di oltre 10.000 spettatori, calcolando che ogni auto porterebbe addirittura quattro persone a bordo sarebbero solo 1.800. In tanti dovranno continuare il pellegrinaggio a piedi o meglio una sorta di processione. Illusione definitivamente finita. Il parcheggio, notevolmente ridimensionato, dunque, potrebbe essere disponibile dalla seconda partita interna di campionato, tra circa un mese, quando nel Sannio sarà di scena il Cosenza anche se il sindaco Mastella in testa sta tentando di avere una deroga per la gara di sabato contro il Cittadella. I disagi per una larga fetta di spettatori, nonostante la realizzazione della strada di collegamento tra svincolo della superstrada e l’area curva sud/distinti, termineranno, quindi, solo per una parte. Un’area parcheggio che come già detto quando sarà aperta, registrerà una drastica riduzione imposta dalle norme contenute nel decreto ministeriale 18 marzo 1996 e successivi adeguamenti. Vigili del Fuoco e Questura nelle persone dell’ingegnere Giovanni Vassallo e del questore vicario Francesco Marino nell’ultima riunione della Commissione Vigilanza Pubblici Spettacoli della Prefettura hanno eccepito una necessità inderogabile: annessa allo stadio va creata una “fascia di rispetto”, uno spazio denominato area di sicurezza, libero da ostacoli per il deflusso degli spettatori, oltre a dotare le aree adiacenti di tutti i requisiti di sicurezza. Giusto per essere precisi vi spieghiamo cosa prevedono le norme della suddetta legge. Bisogna riservare un metro quadro per ogni 2 persone, il che significa che i tecnici comunali dovranno escludere dai posti auto un’area aggirantesi sui 5.500 metri quadri. Ecco perché: il settore Distinti conta 4.795 posti, la curva sud 4.306; a questi bisogna sommare i 1.827 della curva nord che ospita la tifoseria giallorossa per un totale di 10.988 posti. Dovendo riservare un metro per ogni coppia, il calcolo è semplice. Ovviamente negli uffici dell’assessorato ai Lavori Pubblici del Comune si sta già lavorando da alcuni giorni al fine di definire la riperimetrazione degli spazi e giungere alla delimitazione degli stalli. Non sarà consentita, quindi, la sosta selvaggia. Al Comune nelle scorse settimane si immaginava che realizzando una strada larga 7 metri il problema delle vie d’uscita sarebbe stato risolto, ma così purtroppo non è. L’input dato ai tecnici è quello di recuperare il maggior numero di posti da adibire a parcheggi. Chiudiamo con il capitolo tribuna stampa. Resta da completare l’adeguamento dell’impianto elettrico e in assenza della consegna di tale documentazione, l’agibilità non potrà essere rilasciata. Entro il 20 settembre la polizia municipale trasmetterà una relazione di sintesi, presupposto per il rilascio dell’agibilità, stavolta definitiva.