Grande orgoglio e viva soddisfazione è stata espressa da Nascenzio Iannace, sindaco del comune di San Leucio del Sannio nell’apprendere dell’incredibile gesto eroico compiuto dal concittadino Fausto Varricchio, agente di polizia penitenziaria presso la casa circondariale di Ariano Irpino.

I fatti: lo scorso 2 agosto, sprezzante del pericolo e senza un attimo di esitazione, Varricchio ha salvato dalle fiamme un giovanissimo detenuto nel carcere arianese che era praticamente in punto di morte, essendosi dato fuoco come forma di protesta, rianimandolo personalmente. Nell’eroico gesto l’assistente capo Fausto Varricchio ha riportato varie ustioni a gomito, mano e caviglia, complicate da intossicazione dovuta all’acre fumo inalato nel disperato tentativo di strappare alla morte la vita del 24enne.

“Venire a conoscenza di questo atto di immensa umanità ed eroismo – ha dichiarato Nascenzio Iannace – mi ha vivamente commosso e allo stesso tempo inorgoglito. Un nostro concittadino, Fausto, un amico personale, non nuovo a questi atti eroici, persona di specchiata moralità e ben voluto da tutto il paese, ha compiuto un gesto che sicuramente non è da tutti. Sottolineo che Fausto è stato anche un valido componente della compagine con la quale ho affrontato l’ultima campagna elettorale. Devo dire già allora ci avevo visto giusto! I valori che Fausto erge a pilastri della propria vita sono onestà, etica, altruismo, purezza d’animo, amore per tutti e sopratutto una grandissima umanità intrisa di umiltà”. Il sindaco ha definito Fausto un eroe dei nostri tempi e ha pronto per lui un evento speciale che lo vedrà protagonista assoluto. “Fausto – ha concluso il primo cittadino sanleuciano – merita non solo il nostro plauso più alto, ma anche e soprattutto di essere imitato ed indicato come esempio per le nuove generazioni, troppo spesso orfane di modelli nobili a cui ispirarsi”.