Si riparte. Finalmente, dopo la lunga sosta invernale il Benevento riprende la corsa a velocità folle verso la serie A approfittando anche del calendario che al giro di boa propone la seconda gara consecutiva casalinga contro il Pisa che verrà al Vigorito con una formazione rivoluzionata e qualche assenza. Una ghiotta occasione per conquistare l’ottava vittoria consecutiva ed eguagliare un altro record. Il tecnico Inzaghi dopo il ritiro romano ha fatto lavorare la squadra per tutta la settimana a porte chiuse puntando su un intenso lavoro tattico. Si dovrebbe ripartire, comunque dal modulo 4-3-2-1 che si può dire che è collaudato e che ha regalato un autentico ulteriore cambio di marcia rispetto al precedente 4-4-2. Scelte quasi fatte con Tuia e Caldirola centrali, Montipò tra i pali e Maggio-Letizia sulle fasce. A centrocampo il terzetto formato da Hetemaj, Schiattarella e Viola. In avanti i dubbi. Su tre maglie è certa solo quella del sardo Sau che ha lasciato il 2019 con una esaltante tripletta. Sulla trequarti Kragl che non si è allenato con continuità se la gioca con Insigne, infine in avanti inizia il ballottaggio tra Coda e l’ultimo arrivato Moncini con l’ex Spal che sembra favorito anche alla luce della politica attuata dalla società. Vedremo quali saranno le scelte anche se Inzaghi ha sempre detto che Coda è essenziale per il suo gioco. Indubbiamente questo dualismo costituisce il motivo di grande interesse di questa lunga vigilia per verificare anche i dettami ed i comportamenti societari e dello stesso staff tecnico.

Infine per quanto riguarda il mercato se ne tornerà a parlare da lunedì con la questione difensore. In corsa ci sono Tosca, Barba e Gabbia. Per quanto riguarda la prevendita non sta andando bene. Probabilmente la notturna con questo clima freddissimo scoraggia la gente. Chissà…