contributi-efficienza-energeticaIl Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato un’interessante bando attraverso il quale sono agevolati programmi integrati d’investimento finalizzati alla riduzione dei consumi energetici all’interno delle attività produttive localizzate nelle regioni dell’obiettivo Convergenza (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia).
Il programma d’investimento proposto deve essere in grado di ottenere, nel suo insieme ed a parità di capacità produttiva nominale, un risparmio energetico pari ad almeno il 10% rispetto ai consumi pregressi di energia primaria.
Il ‘Nuovo Bando Efficienza Energetica’, questo il nome, può contare su una dotazione finanziaria di 120 milioni di euro (72 mln di euro sono riservati ai programmi proposti da MPMI) a valere sul POI ‘Energie rinnovabili ed efficienza energetica’ FESR 2007/2013 e prevede contributi per l’avvio di programmi integrati d’investimento basati su una spesa non inferiore a 30mila euro.

I potenziali beneficiari devono:
-essere regolarmente costituiti da almeno un anno e iscritti come attivi nel Registro delle imprese;
-essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
-trovarsi in regime di contabilità ordinaria;
-non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
-essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi;
-essere in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero;
-non trovarsi in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà così come individuata nel Regolamento GBER.

I programmi d’investimento ammissibili devono avere ad oggetto una o più delle seguenti tipologie di interventi:
-isolamento termico degli edifici al cui interno sono svolte le attività economiche;
-razionalizzazione, efficientamento e/o sostituzione dei sistemi di riscaldamento, condizionamento, alimentazione elettrica, forza motrice ed illuminazione, anche se impiegati nei cicli di lavorazione funzionali alla riduzione dei consumi energetici;
-installazione di impianti ed attrezzature funzionali al contenimento dei consumi energetici nei cicli di lavorazione e/o di erogazione dei servizi;
-installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti per la produzione e la distribuzione dell’energia termica ed elettrica all’interno dell’unità produttiva oggetto del programma d’investimento, ovvero per il recupero del calore di processo da forni e/o impianti che producono calore, o che prevedano il riutilizzo di altre forme di energia recuperabile in processi ed impianti che utilizzano fonti fossili.

Le domande possono essere presentate dal 30 giugno.

Info a GAL Taburno Consorzio, Torrecuso – www.galtaburno.it