asiaLa SAMTE ha comunicato che per il 2 giugno, a causa dello stato di agitazione dei lavoratori, non può garantire l’apertura delo Stir di Casalduni per la ricettività della frazione secca non valorizzabile (indifferenziato), di conseguenza porebbero esserci dei disagi nei tempi di raccolta dell’Asia per le 110 tonnellate di rifiuto indifferenziato previsto in strada. Di tanto si è provveduto ad interessare la Prefettura di Benevento per un eventuale intervento in exstrmis atto a consentire almeno una parziale apertura dell’impianto per la giornata di martedì 2 giugno.

L’ Azienda – come riferisce il Presidente Lonardo – si scusa per il disagio procurato ai cittadini per cause indipendenti dalla propria volontà, rimarcando come ancora una volta, ‘sic stantibus rebus’, si ravveda la necessità di dotare la Città di impianti di trasferenza e stoccaggio per far fronte a pieno titolo anche a situazioni emergenziali da sempre dietro l’angolo nella gestione dei rifiuti.

Quanto alla petizioni dei cittadini per il trasferimento della sede tecnica dell’Asia da via Ponticelli in sito più idoneo alla bisogna, l’Azienda da tempo si è mossa in tale direzione e dopo l’espletamento del bando conoscitivo, si sta approntando quello definitivo per l’aggiudicazione previa la definizione, da parte del Consiglio Comunale, della nuova destinazione d’uso dell’area tecnica di via Ponticelli per una eventuale perequazione del nostro immobile, come del resto previsto del bando stesso.