I Carabinieri Forestali della Stazione di Montesarchio, nella giornata di ieri, con l’ausilio dell’ASL BN1 di Montesarchio, nel corso di un’indagine relativa agli allevamenti di bestiame nell’ambito del territorio sannita, hanno riscontrato in un’azienda numerosi illeciti penali ed amministrativi riferibili a violazioni che riguardano:

  • Documentazione carente;
  • Assenza di tracciabilità di alcuni animali vivi e carcasse di ovini già macellati;
  • Violazione  di sigilli precedentemente apposti in via cautelare dall’ASL di Montesarchio.

In particolare, estendendo le verifiche a tutta la struttura sono emersi ulteriori illeciti  relativi alla gestione degli effluenti provenienti dalla stalla di sosta e dei liquami della macellazione degli animali. In particolare è stato appurato che i reflui, anziché essere smaltiti come rifiuti liquidi tramite espurgo e trasporto per lo smaltimento, venivano allontanati dalla vasca di raccolta veicolandoli oltre la recinzione della struttura, tramite un tubo nascosto tra la vegetazione. Le fosse settiche deputate alla raccolta dei liquidi di macellazione, ormai colme, riversavano il loro contenuto maleodorante sul piazzale e poi sul terreno posto alle spalle della struttura fino a formare inquietanti pozze di sangue. A questo punto i militari hanno immediatamente sospeso l’attività, sottoponendo a sequestro penale la struttura per evitare possibili conseguenze alla salute pubblica e alle matrici ambientali, contestando al titolare anche i reati di violazione dei sigilli, gestione illecita ed abbandono incontrollato di rifiuti sul suolo e nelle acque superficiali.