coltivazioneQuesta mattina, alle 5:00 è scattata l’operazione dei Carabinieri della Stazione di San Leucio del Sannio che hanno sorpreso e arrestato in flagranza di reato Antonio Barbaro, operaio beneventano 41enne, già noto alle forze dell’ordine per reati in materia di sostanze stupefacenti, mentre accudiva e innaffiava con alcuni secchi d’acqua 6 piante di canapa indiana dell’altezza di circa un metro e mezzo, in una zona nascosta del terreno adiacente alla propria abitazione, posta in contrada Santa Colomba al confine dell’area comunale di Benevento e quella di San Leucio del Sannio. All’interno dell’abitazione dell’uomo, veniva scoperto un locale che serviva per l’essiccazione delle foglie e nel contesto della perquisizione domiciliare sono stati trovati anche circa 75 grammi di ulteriori foglie di marijuana in parte esiccata.

 Sia le foglie in parte esiccate, che tutte le piante di cannabis indica estirpate, sono state sequestrate insieme alle attrezzature per l’irrigazione e il materiale atto alla preparazione della sostanza, un grinder per triturare le foglie e alcuni contenitori per la conservazione del prodotto intermedio.

Nel corso dei riscontri investigativi i militari hanno accertato che l’interessato aveva acquistato in internet tutto l’occorrente per realizzare la propria piantagione, compresa documentazione illustrativa e scientifica sulla coltivazione della marijuana, nonché un volantino pubblicitario scaricato da un sito, ove erano raffigurate diverse tipologie di semi di piante di canapa indiana con il relativo costo.

Il Barbaro, pertanto, dopo le formalità di rito, è stato tratto in arresto perché ritenuto responsabile di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti e, su disposizione del Sostituto Procuratore di Turno, dott.ssa Marcella Pizzillo,  è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.