futurideaIeri, presso la sede di Futuridea, è stata sottoscritta una convenzione tra la stessa associazione per l’Innovazione Utile e Sostenibile, presieduta da Carmine Nardone, e il Cnr Issia, Istituto di Studi per i Sistemi Intelligenti per l’Automazione. A siglare l’intesa erano presenti lo stesso Nardone e il direttore del Cnr Issia, Massimo Caccia. Insieme a loro anche Rossana Maglione ricercatrice di Futuridea, e Donato Di Paola, ricercatore del Cnr Issia.

Tale Istituto ha come missione lo studio e lo sviluppo di sistemi ed agenti intelligenti complessi sulla base, prevalentemente, delle tecnologie informatiche ed elettroniche, della modellistica fisica, delle metodologie computazionali, con ricadute concrete verso l’industria e la pubblica amministrazione (territorio, ambiente, trasporti, salute e beni culturali). Oltre a questo il Cnr Issia dispone di rilevanti risultati nel campo della ricerca dei sistemi intelligenti nonché di competenze specifiche nei settori delle applicazioni delle tecnologie Ict e nei sistemi di monitoraggio più avanzato.

Nel merito della convenzione, che fa seguito all’accordo quadro firmato tra Futuridea e il Centro Nazionale delle Ricerche, lo scorso 21 Ottobre, si prevede l’attivazione di un rapporto stabile tra le parti al fine di consentire la sinergia tra l’attività e l’elaborazione svolta da Futuridea e le potenzialità d’impiego delle tecnologie e delle metodologie Ict elaborate dal Cnr Issia.

In maniera particolare si pongono come obiettivi lo studio e la valutazione congiunta delle problematiche inerenti il monitoraggio real time e in remoto, o sistemi mobili intelligenti, delle acqua marine, fluviali con l’obiettivo di realizzare nuovi prototipi di apparecchiature, di rilevazione dei parametri più significativi, integrabili in sistemi intelligenti di monitoraggio; lo studio e la valutazione congiunta di sistemi di monitoraggio del suolo integrabili con tecnologie satellitari e rilevazione di spettrometria Vis-NIR come base per una mappatura intelligente dei suoli ai fini dell’agricoltura di precisione e lo studio e la valutazione congiunta delle innovazioni integrabili in una smart building attraverso l’integrazione di tecniche di bioarchitettura (Futuridea) e di domotica (Cnr Issia).