La serata era strana con la gara che è iniziata con gli spalti che presentavano diversi vuoti a causa dei ritardatari e la parte centrale della curva sud secondo anello (zona sbarra) vuota e con un eloquente striscione apposto in senso di protesta e per spiegare i primi dieci minuti di silenzio. Poi tutto lo stadio, trascinato anche dall’impetuoso primo tempo dei giallorossi, da quel primo posto che è davvero un toccasana per tutto, è diventato un’autentica bolgia. E’il caso di dire che il pubblico è stato grande protagonista specie in diverse fasi di sofferenza della ripresa quando si doveva difendere il prezioso vantaggio in inferiorità numerica. Anzi spesso con fischi e boati assordanti o cori ha condizionato gli atleti in campo e specie nel finale indotto ad una direzione un po’ diversa il discutibile Marinelli di Tivoli. Al di là di queste considerazioni, comunque è piaciuta la passione, la partecipazione, la voglia di vincere che la gente ha trasmesso dagli spalti verso il campo. Un bel tifo davvero e finalmente cori che sono stati fatti da tutti i settori (distinti, curva nord e tribuna oltre che curva sud naturalmente). Per la cronaca ancora non è stato abbattuto però in questa stagione il muro dei 10.000 paganti. Stasera infatti si sono contati ai botteghini 9.686 paganti, compresi i 7.805 abbonati. Attenzione chiariamo che sono numeri importanti e di assoluto rispetto che in serie B anche sotto questo punto di vista fanno la differenza in positiva. Chapeau, dunque, ai tifosi della Strega degni primi della classe anche loro…