Sconfitta brutta e pesante per l’IVPC Rugby Benevento del presidente Rosario Palumbo che è tornata da Roma mortificata. Il confronto con la Primavera ha messo in luce i limiti dei biancocelesti che quest’anno ha ringiovanito i ranghi. Il 45 a 0 finale parla chiaro. Tutto quello che poteva andare male è andato male. L’assenza di Andrea Fragnito era pesante. Salierno l’ha sostituito con Cioffi apertura e Corvino estremo. Il rientro di Marco Petrone non è bastato per tamponare l’irruenza dei padroni di casa che sono partiti fortissimo. Il 45 a 0 è severo e frutto anche di un cartellino giallo al neo entrato Cremonesi. La distanza è enorme ma sicuramente non reale. Il Benevento deve crescere, proprio da queste sconfitte dalle proporzioni assurde.  Da ieri si è deciso, comunque, di voltare pagina c’è da preparare il prossimo match contro il Cus Catania che arriverà al Pacevecchia per fare bottino pieno. Appare evidente che l’allenatore napoletano Salierno punta a creare in casa il fortino per conquistare dei punti preziosi ed evitare di restare nei bassifondi della classifica anche se ricordiamo che ieri si è giocata la seconda giornata del campionato cadetto. La speranza è che il risultato di Roma non pesi sul morale dei ragazzi perchè certe batoste a volte lasciano il segno sul morale, non è vero che aiutano solo a crescere perchè c’è anche l’altra faccia della medaglia.