pdUn viaggio tra le cinque province campane per discutere con le istituzioni, gli operatori del settore e i cittadini del Piano sociale regionale 2016-2018 e declinarne gli interventi in base alle esigenze dei territori. Questo il senso dell’iniziativa ‘Riannodiamo la rete del welfare a garanza della fragilità sociale’, lanciata dal Pd Campania, in collaborazione con le federazioni provinciali.

Dopo gli anni dell’Amministrazione Caldoro, segnati da una forte contrazione delle politiche sociali, il Partito Democratico saluta positivamente il cambio di passo del presidente De Luca e della sua Giunta, impegnata su questo tema con l’assessore Fortini, e si fa promotore di momenti di confronto su un documento fondamentale per la programmazione delle attività sui territori e per garantire ai cittadini i servizi essenziali nell’ambito sociosanitario.
Il viaggio partirà venerdì 19 febbraio da Benevento. L’incontro, in programma a partire dalle 18.00, presso la Biblioteca provinciale in Corso Garibaldi, sarà aperto dai saluti di Paola Vairano, responsabile Infanzia e Adolescenza Pd Campania e del segretario provinciale, Carmine Valentino. I lavori saranno coordinati da Filomena Laudato, del gruppo ‘Pd per il sociale’ di Benevento, mentre l’assessore regionale alle Politiche sociali, Lucia Fortini, illustrerà il Piano sociale 2016-2018, lasciando poi spazio agli interventi del segretario regionale, Assunta Tartaglione, del consigliere regionale del Pd Mino Mortaruolo e del sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, Umberto Del Basso De Caro. La discussione coinvolgerà gli amministratori locali, i responsabili degli Ambiti territoriali e le associazioni di categoria.
Nelle settimane successive l’iniziativa sarà proposta negli altri capoluoghi in un percorso che si chiuderà a Napoli.
“A differenza di quanto accaduto con la precedente Amministrazione regionale – spiega Paola Vairano, responsabile regionale per le Politiche dell’Infanzia e dell’Adolescenza – la Giunta guidata da De Luca ha licenziato nei tempi giusti un provvedimento importante che consente di programmare concretamente le attività. La nostra iniziativa, vista anche la presenza dell’assessore Fortini, è finalizzata ad avviare un dialogo con la Regione e con i territori per declinare gli interventi in base alle diverse esigenze, visto che saranno i Comuni a dover sviluppare i principi di indirizzo contenuti nel Piano”.