Quando chi come me si rende conto di non capire nulla di calcio , arriva al punto di dover solo fare pubblicamente ammenda per un paio di esternazioni fatte a bocce ferme questa estate.  Vero è che anche rinsavire ed ammettere qualche errore significa essere umili e per nulla stolti,  ed è  proprio quello che intendo fare oggi. Eh già…perché io ero tra coloro che ad inizio anno aveva detto che avevamo preso un gran allenatore mediatico, un grande allenatore da social, ma che nutrivo dei dubbi sui risultati del tecnico venuto dalle lande padane. Felice di essere stato smentito. La carrellata di scuse prosegue con l’aver rimarcato che avevamo lasciato libere due caselle over pensando che cio’ costituisse un handicap, ovvero quello di avere una rosa troppo risicata per un campionato pieno di aspettative. Avevo anche detto che Tuia ed Antei non mi convincevano per la loro integrità fisica ed invece i due, dopo un primo periodo di assestamento stanno dando il loro importantissimo contributo. Parlo al presente perché è  vero che la sfortuna continua a perseguitare Antei, ma quando vedi che un ragazzo che esce piangendo in barella perché ha capito la gravità dell’infortunio, butta via la barella e comincia a saltellare su un piede solo per raggiungere gli spogliatoi dando un segnale a tutta la squadra, capisci che la forza del giocatore sta proprio in un gesto come questo, capace di rinfrancare l’intera squadra.

E avevo storto il muso anche sul mancato utilizzo di Kragl nelle prime 5/6 partite. Ma come, mi chiedevo? Un pezzo da 90 relegato in panchina!! Semplicemente Pippo lo stava gestendo, piazzandolo poi come titolare pressoché inamovibile da ottobre in poi. E che vvulite fa’? Errori di valutazione da tifoso, se è vero che alla fine del girone di andata, questa meravigliosa Strega ha battuto il record di punti fatti nel girone di andata in Serie B, alla faccia dello scetticismo che nutrivo.
Vabbuo’….cosa dire ancora? Cospargiamoci il capo di cenere ed apprestiamoci ad affrontare un girone di ritorno nel quale tutti ci affronteranno con il coltello fra i denti per il gusto ed il desiderio di provare a fermare la capolista. Ci attendono 19 finali. Affrontiamole col piglio da capolista e magari da parte mia con un po’ meno errori di valutazione. Qualcuno anni fa diceva che l’ottimismo è il pane della vita….Mi sa che teneva ragione.
Buon anno a tutti e Forza Benevento a voi e famiglia.
 
Daniele Piro/Scugnizzo69