Dopo la riunione di aggiornamento di martedì scorso nella quale è stato fatto il punto della situazione, torna a riunirsi stamani la Commissione Vigilanza Pubblici Spettacoli presso la Prefettura di Benevento. All’ordine del giorno, manco a dirlo, lo stadio Ciro Vigorito che ormai, fateci passare l’ironia, sembra essere diventato, per come viene trattato, una nuova “centrale atomica”. Saranno esaminati vari documenti tra cui la Scia antincendio, la planimetria delle vie di fuga, la situazione con autorizzazioni degli impianti e il progetto legato al deflusso pedonale dal sottopassaggio del viadotto delle Streghe indispensabile per non vedere ridotta l’agibilità che attualmente è stata prorogata o meglio concessa in deroga dai Vigili del Fuoco. A proposito del progetto, prevede come noto l’installazione, su richiesta delle forze dell’ordine, di ben due barriere di betafence. Una dal viadotto all’insediamento di case popolari di via Matarazzo lungo Sabato ed una seconda, inizialmente non prevista ma poi espressamente richiesta dai preposti all’ordine pubblico per un eccesso di sicurezza, dall’ingresso parcheggi del PalaSannio alle case popolari. Il summit di oggi è ritenuto particolarmente importante da un punto di vista burocratico, ma anche autorizzativo per avere una soluzione ed una situazione definitiva e non di precarietà di un impianto che, vale la pena ricordarlo, ci invidia mezza nazione, ma che a causa di iter burocratici ed una flessibilità assolutamente inesistente, quasi mensilmente è alle prese con una serie di problemi che spesso mettono in discussione il pieno e totale utilizzo. Si punta a mettere la parola fine e soprattutto a cercare, invece, di aumentare ulteriormente la capienza e sfruttare al meglio le varie infrastrutture, anche perchè potrebbe essere il tutto propedeutico all’arrivo della nazionale, il sogno di sempre ed anche in previsione di un ritorno in serie A, d’obbligo gli scongiuri. Insomma, si spera in una riunione proficua, sperando che non ci siano altri impensabili ed evitabilissi colpi di scena, come purtroppo avvenuto in passato…