babyArriva in libreria ‘Baby boom-Memorie di una generazione che non vuole farsi rottamare’, racconto emozionale in difesa degli over 50 e degli over 55, scritto da Bruno Menna, beneventano, giornalista di lungo corso, esperto di comunicazione. Il libro, edito da Iuppiter Edizioni, parte con una lunga rilettura dei Sixties, l’età dell’oro del nostro Paese, in cui gli italiani avevano altri valori, altri genitori, altri maestri, altri cantanti, altri registi, altri attori, altri comici, un’altra lingua, altri politici, un’altra tv, un’altra pubblicità. Amavano un altro calcio, sapevano cosa mangiavano e cosa bevevano. Si fidavano del medico di famiglia, del farmacista e del parroco ma sapevano cavarsela anche da soli. Una ‘rilettura’ che si sofferma anche sui dati economici e sul vero boom, quello demografico, ma che va al di là di questi due elementi, analizzando il ‘come’ e il ‘perché’ e a quale costo gli italiani seppero ambire a conquiste di modernità e a nuovi spazi di libertà e progresso per assicurare futuro ai posteri. Menna conclude con la rivendicazione dell’appartenenza al presente di quelli che oggi si chiamano adulti o tardo-adulti. Una generazione che, alle pari di altre, non ha colpe da scontare e che non può e non deve essere esodata o maltrattata.