Il Benevento dà un calcio all’emergenza Covid e batte 3-1 il Crotone al Ciro Vigorito. In condizioni notevolmente precarie i giallorossi di Fabio Caserta stringono i denti e conquistano altri tre punti importanti nella rincorsa alle zone alte della classifica. La gara si apre al 25′ con un gol di Moncini, che piazza il destro dal limite e batte Festa, che tocca ma non riesce a deviare. Dopo meno di due minuti il Crotone pareggia. Marras si invola sulla sinistra e crossa al centro trovando la deviazione di Vogliacco, che nell’anticipare Maric rimette, suo malgrado, subito la sfida in equilibrio. Nel finale di primo tempo il Benevento riesce a mettere nuovamente la freccia. E’ ancora Moncini, su assist di Acampora, a fare centro firmando la doppietta personale. Preciso il suo stacco di testa in controbalzo che non lascia scampo a Festa e a una difesa crotonese colpevolmente immobile. Nella ripresa la Strega ha qualche potenziale occasione ma riesce a firmare il 3-1 solo al 92′ su calcio di rigore conquistato e trasformato da Francesco Forte. Martedì per il Benevento c’è la difficile trasferta al Rigamonti di Brescia contro le rondinelle dell’ex Filippo Inzaghi.

Marcatori: 25′ e 48′ Moncini (B), 27′ autorete Vogliacco, 92′ su rig. Forte (B)

BENEVENTO
Paleari; Gyamfi (46′ Tello), Acampora, Lapadula (87′ Petriccione), Farias (60′ Forte), Vogliacco, Glik, Improta, Foulon, Moncini (67′ Elia), Ionita.
A disp.: Manfredini, Tartaro, Calò, Sau, Masciangelo, Talia, Pastina, Brignola.
All. Fabio Caserta

CROTONE
Festa; Golemic, Estevez (61′ Kone), Mulattieri, Calapai, Schnegg (73′ Sala), Marras (73′ Adekanye), Canestrelli (61′ Kargbo), Nedelcearu, Awua, Maric.
A disp.: Saro, Cuomo, Vulic, Giannotti, Borello, Mogos, Schirò, Cangiano.
All. Francesco Modesto

Ammoniti: Schnegg (C), Marras (C), Gyamfi (B), Canestrelli (C), Tello (B), Adekanye (C), Improta (B),

Arbitro: Antonio Giua di Olbia.
Assistenti: Claudio Gualtieri di Asti e Marco D’Ascanio di Ancona.
Quarto Ufficiale: Marco Emmanuele di Pisa.

Var e Avar: Livio Marinelli di Tivoli e Gianluca Sechi di Sassari.