libro-vino1[1]‘L’Aperitivo Filosofico’ è il nome del nuovo progetto dell’associazione culturale ‘Il Primo’, nato dalla collaborazione con il modern bistrot Tintori 2.0 ed il prof. Mennato Tedino. Protagonista dell’iniziativa sarà la filosofia, ed è con essa che si affronteranno diversi argomenti. Si scopriranno nuovi punti di vista, cercando risposte e stimolando nuovi interrogativi.

La collaborazione con il Tintori 2.0, dello chef Pasquale Basile vedrà la nascita di altre iniziative culturali: incontri sull’arte, la letteratura, la storia.

Per quanto riguarda il primo incontro dell’iniziativa ‘L’aperitivo Filosofico’, il tema che verrà trattato sarà il rapporto tra l’Uomo, Dio e la Religione. ‘Dio è morto(?)-Il senso dell’annuncio nietzscheano ai tempi di Papa Francesco’.

Oltre un secolo fa nelle pagine della Gaia Scienza, Nietzsche faceva dire ad un uomo folle che Dio era morto!  Oggi, dopo più di cento anni, cosa resta di quell’annuncio e vale la pena interrogarsi ancora sul senso di quelle parole? L’elezione di Papa Francesco, il Papa venuto dalla fine del mondo, ha aperto prospettive inaspettate intorno ai modi con i quali si può, nel XXI secolo, essere credenti. In questo senso, la domanda su Dio (e di Dio) diventa essenziale per rispondere alle richieste di significato che, quotidianamente, si presentano nella nostra vita. Attraverso Nietzsche e le voci di filosofi che hanno affrontato la questione del rapporto fede/ragione, l’incontro-dibattito cercherà possibili risposte, certamente non definitive, percorrendo le strade, poco frequentate, della filosofia.

Mennato Tedino insegna filosofia nei licei. Il suo campo di ricerca spazia dallo studio dei rapporti tra pensiero astratto, musica, cinema e arti figurative fino alla filosofia ermenuetica con particolare attenzione all’esperienza dell’eredità nietzscheana come declinata nel XX secolo attraverso il contributo di Heidegger, Gadamer e Vattimo.
Ha recentemente pubblicato ‘Cinesofemi. In dialogo con due film su tempo ed Edipo’ (2014) e ‘Declinazioni del postmoderno. Citazionismo e dissacrazione in O Brother Where Art Thou?’ (2015). Con Gaetano Panella ha curato il volume ‘La riflessione pro-Vocata. Sei saggi su cinema e filosofia’ (2014), in cui sono apparsi due suoi saggi: ‘Il tempo è una danza. Nietzsche e l’eterno ritorno dell’identico’ e ‘Edipo e Selene. Il mito, la psicoanalisi, il cinema di Bertolucci’. Attualmente sta ultimando un saggio sulle ultime tendenze della filosofia italiana dal titolo ‘Opacità del reale. Pensiero debole e Nuovo realismo’.

Il primo appuntamento è per domenica 1 febbraio alle ore 18.00 presso Tintori 2.0,vico G.Vetrone, Foglianise