Bosco Moschella pagliuca QuarantielloIl segretario responsabile della Uil Fpl di Benevento, Antonio Pagliuca, e gli Rsu Uil Fpl del comune di Benevento, Fioravante Bosco e Nicola Quarantiello, hanno inviato al comandante del Corpo di polizia municipale di Benevento, Giuseppe Moschella, al sindaco Fausto Pepe e all’assessore alla mobilità Maria Iele, una lettera per sollecitare la presa d’atto del Regolamento relativo alle uniformi, distintivi di grado, onorificenze, colori e contrassegni dei veicoli (rif. L.R. n. 12/2003) per gli appartenenti al Corpo di polizia municipale.

Difatti, sul BURC n. 10 del 16 febbraio 2015 è stato pubblicato il Regolamento Regionale 13 febbraio 2015 n. 1, recante “Regolamento di esecuzione dell’articolo 16 della legge regionale 13 giugno 2003, n.12 (Norme in materia di polizia amministrativa regionale e locale e politiche di sicurezza)”. Era dal 2003 che si attendeva il regolamento che uniformasse, finalmente, le problematiche relative soprattutto alle uniformi, colori e foggia, ai distintivi di grado e ai colori delle auto in dotazione. Nel frattempo sono scaduti i 180 giorni, che decorrevano dal 16 febbraio 2015, per adeguare il regolamento di servizio e i distintivi di grado, mentre l’adeguamento delle uniformi e della altre dotazioni avverrà con la progressiva dismissione delle vecchie dotazioni sino alla loro completa sostituzione. La lettera si è resa necessaria poiché oggi pomeriggio il tenente Emilio Belmonte ha indossato autonomamente i gradi di capitano, che erano stati assegnati al vice comandante Giovanni Fantasia con l’arrivo di Moschella.

Tutto ciò premesso, la Uil Fpl ha perciò chiesto che, con deliberazione di giunta comunale, si provveda almeno ad adeguare i gradi distintivo per tutto il personale del Corpo di Polizia municipale di Benevento.

“La situazione che si vive all’interno della polizia municipale beneventana – dichiara Antonio Pagliuca – è veramente incredibile. Mai si era visto che un appartenente al Corpo, in maniera del tutto autonoma, e senza aspettare la delibera della giunta comunale, si fregiasse di un grado superiore a quello spettante. Il sindaco Pepe, l’assessore Iele e il comandante Moschella sono perciò impegnati a risolvere il problema dell’assegnazione dei nuovi gradi distintivo facendo rientrare nei ranghi chi vorrebbe la delegittimazione del sistema e l’arrivo dell’anarchia organizzativa”.