Pasquale Schiattarella ha spadroneggiato a centrocampo nella trasferta di Cagliari. Il regista giallorosso ha ben abbinato il lavoro in fase di costruzione a quello di interdizione confermandosi tra gli artefici del piccolo miracolo chiamato Benevento. “Abbiamo fatto qualcosa di bello, ora non dobbiamo fermarci. Il nostro finora è stato un percorso esagerato in un torneo difficile come la serie A. Ci godiamo questo momento ma mancano ancora 19 punti al nostro scudetto”. 

Il regista non si pone limiti: “Con l’Atalanta sappiamo che sarà durissima ma abbiamo un’anima napoletana, la parola cazzimma la conoscono tutti ormai, il Benevento ne ha da vendere e cercheremo di metterla in campo anche sabato. Speriamo di dimostrare il nostro temperamento anche contro i nerazzurri”.  Campionato difficile, vietato mollare la presa: “Sappiamo che potrebbero arrivare momenti negativi, dobbiamo essere bravi a non disunirci e rimanere sempre attenti senza demoralizzarci. Tra le squadre affrontate quella che mi ha impressionato di più è stata l’Inter, ma quando ci abbiamo giocato contro non eravamo ancora il Benevento di adesso”.