briefingIl Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci ha convocato stamani, presso la Rocca dei Rettori, un Tavolo di crisi con la partecipazione dello staff del Settore Infrastrutture dell’Ente per ascoltare una relazione sui danni causati alle infrastrutture civili su tutto il territorio provinciale dopo gli eventi calamitosi della nottata appena trascorsa che hanno causato la morte di due persone e pesantissimi disagi a centinaia di Famiglie.

Erano presenti al briefing anche i Consiglieri provinciali Domenico Matera e Claudio Cataudo. Gli ingegneri Francesco Caruso, Gennaro Fusco, Michelantonio Panarese e Salvatore Minicozzi del Settore Infrastrutture hanno delineato al Presidente il quadro della situazione che si è venuta a determinare sul territorio nei diversi comparti. Il Presidente ha impartito le disposizioni agli Uffici per far fronte alla crisi.

Per tali eventi il Consiglio Provinciale di Benevento ha già richiesto la dichiarazione dello stato di calamità naturale. l’evento meteorologico, infatti, ha scaricato al suolo in poche ore oltre 150 millimetri di pioggia. Ricordiamo che due persone hanno perso la vita a causa di tale evento calamitoso. Centinaia di famiglie hanno dovute essere soccorse sui tetti e nelle aree rurali più isolate a causa dell’esondazione dei corsi d’acqua da parte dei Vigili del Fuoco, dai Carabinieri, dalla Polizia di Stato, dal Corpo Forestale dello Stato, dai Vigili Urbani, dalla Protezione Civile, dal personale medico e paramedico del 118, dai Volontari.

Pesantissimi ed incalcolabili, al momento, sono i danni alle Aziende agricole, alle Imprese industriali, artigiane e commerciali, alle infrastrutture civili, in particolare per quanto concerne gli oltre 1.300 chilometri di strade provinciali che attraversano il territorio del Sannio. I competenti Uffici Tecnici della Provincia di Benevento sono all’opera per una stima dei danni che, comunque, appaiono valutabili in parecchie decine di milioni di Euro per quanto riguarda esclusivamente la sola esondazione dei corsi d’acqua. Tali terribili eventi si sono abbattuti su un territorio che ha già pagato un prezzo pesantissimo alla crisi economica mondiale a partire dal 2008 con la perdita di oltre il 13% del PIL. Per tali motivi, il Consiglio Provinciale di Benevento, a voti unanimi, ha preso atto delle conseguenze terribili dell’uragano abbattutosi sul territorio provinciale nella notte tra il 14 e 15 ottobre 2015 ed ha chiesto che lo Stato italiano e la Regione Campania riconoscano immediatamente lo Stato di calamità naturale.