Benevento_santa_sofiaApprovato il Progetto ‘I Longobardi e il Sannio’, finalizzato a promuovere e valorizzare le testimonianze della cultura longobarda nel Sannio. L’iniziativa vuole mobilitare risorse per 250mila Euro.
A comunicarlo è il Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci che, contestualmente all’adozione della relativa delibera, ne ha richiesto alla Regione Campania il finanziamento nell’ambito delle azioni dalla stessa prevista per lo sviluppo degli attrattori e dei giacimenti culturali, monumentali, artistici e storici.
Il provvedimento della Provincia sannita, curato del Settore Relazioni Istituzionali, Cultura e Turismo, viene motivato dal Presidente Ricci con il fatto che il tema della presenza dei Longobardi, nel Sannio e a Benevento in particolare, costituisce il nodo principale della programmazione culturale e per lo sviluppo del territorio mediante gli investimenti nelle politiche del turismo.
Ricci, nel provvedimento deliberativo, sottolinea come i secoli di storia longobarda nel Sannio abbiano prodotto specificità ed unicità. Il progetto peraltro, spiega ancora Ricci, fa seguito alle iniziative susseguenti alla iscrizione nella ‘World Heritage List’ del Patrimonio Unesco, nell’ambito del sito seriale ‘I Longobardi in Italia. I Luoghi del Potere (568-774 d.C.)’, della Chiesa di Santa Sofia di Benevento, eretta dal Principe Longobardo Arechi II nella capitale del Principato.

Il Progetto ‘I Longobardi e il Sannio’, dunque, è finalizzato a riportare l’attenzione dei visitatori e a promuovere lo sviluppo turistico legato alle numerose ed imponenti emergenze longobarde sul territorio: si punta non solo sulla Chiesa di Santa Sofia di Benevento, ma anche sui numerosi centri del Sannio che affondano le proprie origini in epoca longobarda o che hanno visto comunque fiorire la parte centrale della propria storia nei secoli di quella dominazione.
Molti sono i momenti caratterizzanti la programmazione di questa riscoperta, si va dai dibattiti tra specialisti alle immersioni, come in una macchina del tempo, nella vita quotidiana di quei tempi. Cinque i percorsi ipotizzati: ‘Armonie e canti religiosi’; ‘La macchina del tempo: Paolo Diacono racconta’; ‘I tesori manoscritti di Benevento’; ‘Affreschi Beneventani’; ‘Alla ricerca dei Longobardi nel Sannio’. Numerosi sono i Comuni coinvolti nelle diverse manifestazioni o iniziative al fine di ricostruire i rapporti tra il territorio e la presenza dei Longobardi.
Scopo principe del progetto è quello di incentivare il turismo e, per tale ragione, la parte centrale del progetto è occupata dall’analisi sia dello stato attuale della domanda/offerta turistica sul territorio provinciale, sia sui risultati attesi dalla realizzazione del progetto.