All’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, i militaridel Gruppo della Guardia di Finanza di Benevento hannoeseguito un decreto di sequestro preventivo di 68.230euro – con vincolo di destinazione a favore della Parrocchia di San Modesto – emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento nei confronti del già parroco della Chiesa di S. Modesto di Benevento, in ordine al reato di appropriazione indebita aggravata.

Le attività investigative scaturite, a seguito di una perquisizione eseguita dalla Polizia Postale di Benevento presso il domicilio del citato parroco, effettuata in data 3 novembre 2021 nell’ambito di altre indagini, allorché fu rinvenuta una somma in contanti di circa euro 170.000.Nel corso delle indagini emergevano seri indizi in ordine alla provenienza per il 40%, pari a € 68.230, da elargizioni, offerte e questue devolute dai fedeli della Parrocchia per i lavori di ristrutturazione della chiesa. La restituzione di tale somma è stata sollecitata dall’attuale reggente della Parrocchia di San Modesto senza alcun risultato e, pertanto, dopo la querela, si è proceduto all’odierna contestazione di appropriazione indebita e al sequestro, ritenendo sussistente il pericolo che la somma venga sottratta definitivamente al legittimo proprietario. 

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.