Ancora prima di scendere in campo il Benevento è già sicuro che resterà al primo posto qualunque risultato si registri stasera (inizio ore 18,50) al Vigorito contro la Cremonese degli ex Baroni e Ceravolo. Tutte le squadre di testa nelle gare giocate ieri sera hanno perso oppure hanno pareggiato, fatta eccezione per il Chievo Verona che continua la sua scalata in classifica. Per il Benevento che deve dare delle immediate risposte a livello comportamentale e di rendimento si tratta di un buon vantaggio che deve essere adeguatamente sfruttato cercando di approfittare anche del fattore campo. Al di là di queste considerazioni, comunque, non sarà una sfida semplice per i giallorossi alla luce del valore dell’avversario anche se finora i grigiorossi non hanno avuto un rendimento consono a quelli che sono stati gli investimenti milionari sul mercato del cavaliere Arvedi al quale sicuramente è andato l’oscar la scorsa estate.

Curiosità c’è per vedere come si schiererà il Benevento. Ieri sera in conferenza stampa Inzaghi che ha parlato di prestazione non negativa completamente a Pescara contrariamente a quanto dichiarato a caldo nel dopopartita, ha lasciato intendere che ci saranno delle novità non escludendo nemmeno il ricorso a centroicampo a tre con l’inserimento di Schiattarella. Ma si sa che finora in maniera davvero discutibile non è stato mai provato uno schieramento a tre a centrocampo come auspicato dall’inizio della stagione da più parti considerando che anche durante l’estate nel segno della continuità Vigorito e Foggia sul mercato hanno operato per una squadra che giocasse con il 4-3-1-2 che tanto bene aveva fatto nell’ultima parte della scorsa stagione. Del resto non sono stati acquistati esterni di gamba come invece sarebbe richiesto dal modulo di Inzaghi. Queste comunque sono discussioni che si faranno in un secondo momento come quella del depauperamento del patrimonio Insigne sul quale opportunamente la società ha investito unmilionecinquecentomila euro, detto di no allo scorso mercato alle reiterate richieste della Spal alla quale sono stati chiesti quattromilioni di euro per cedere il cartellino ed ora messo in discussione perchè sta giocando in un ruolo non suo costretto dal modulo integralista “inzaghiano”

Tornando alla formazione ci sarannop di sicuro i ritorni in prima squadra di Tello che andrà a giostrare a sinistra e quasi scontato di Kragl sulla destra con Sau che dovrebbe essere confermato al fianco di Coda e Armenteros che c’è rimasto malissimo per il mancato utilizzo dall’inizio a Pescara che andrà in panchina a meno di ripensamenti dell’ultimo momento vista anche la fisicità della difesa della Cremonese.Altro ballottaggio tra Antei e Tuia per una maglia con l’ex romanista che appare favorito. Sugli spalti si prevede il solito piacevole e appassionante colpo d’occhio.