FB_IMG_1451121695978In un periodo in cui i simboli religiosi ed in particolare il presepe vengono messi in discussione in nome di una presunta laicità che non tiene conto della cultura, della religiosità popolare e della tradizione, a Torrecuso, torna la rappresentazione del presepe vivente, fortemente voluto dal parroco don Antonio Fragnito.

L’evento dal titolo: ‘Betlemme…segno di speranza’ si svolgerà nei giorni 3, 4 e 5 gennaio, dalle ore 17.30 alle 22.00 nel centro storico del paese, all’interno delle sette porte del meraviglioso borgo medievale ripulito e reso simile alla Betlemme di oltre 2000 anni fa.
Ad animarlo saranno circa 300 figuranti tra adulti, anziani, ragazzi e bambini e centinaia di animali, tra i quali 3 cammelli. Le 82 scene allestite con maestria con circa 1500 attrezzi e strumenti della tradizione faranno rivivere l’atmosfera del luogo della nascita di Gesù.
La visita al presepe, completamente gratuita inizierà in piazza Mellusi, alla prima porta (ponte di Corte), dove i visitatori accompagnati dalle guide, saranno catapultati in un ambiente reso suggestivo da luci e sottofondo musicale che li introdurrà nelle scene mozzafiato realizzate in grotte e cantine scavate nella roccia: il palazzo del censimento, la corte di Erode, la Sinagoga, il mercato, le numerose scene di vita quotidiana, la grotta di Betlemme, nella quale si alterneranno 6 coppie con i neonati del 2015.
Il percorso di circa 1 chilometro offrirà lo spunto per riflettere sulla differenza con il mondo attuale che sebbene più comodo, ha perso quell’umanità che caratterizzava le piccole realtà che diventavano un’unica famiglia, unita, nell’affrontare le difficoltà di ogni giorno, ma anche nel condividere le gioie e i momenti belli.
Il percorso terminerà a Porta Cera, dove, appena all’uscita si vivrà un brusco ritorno intitolato: ‘Benvenuti alla vita attuale’.
Ci sarà a disposizione un trenino per accompagnare i visitatori al luogo della rappresentazione del presepe vivente.
Il parroco, ringrazia i tutti coloro da circa due mesi stanno lavorando senza sosta per organizzare l’evento, l’Amministrazione Comunale per il sostegno e la messa a disposizione dei locali del centro storico, i cittadini che hanno concesso i locali privati, i numerosi sponsor: aziende, associazioni, cantine, commercianti e quanti in vari modi si stanno impegnando per la realizzazione della manifestazione.
Inoltre invita tutti a visitare la rappresentazione per vivere un viaggio coinvolgente ed emozionante da vivere all’insegna della pace e della speranza, per scoprire il mistero di Dio che si fa uomo in un’atmosfera che tocca l’anima e incoraggia.