Tutti in piedi ad applaudire ed emozionati mentre l’impianto fonico del Vigorito manda in onda le toccanti note della canzone scritta e cantata dal gruppo sannita Sancto Ianne che ha avuto le sue origini proprio a San Giovanni Ceppaloni. Momenti davvero particolari quelli vissuti prima dell’inizio dell’incontro Benevento-Pordenone. Carmelo Imbriani è stato ricordato degnamente da tutto lo stadio a conferma dell’affetto immutato nei suoi confronti. Oggi ricorrevano sette anni dalla sua triste e tragica scomparsa dopo una lunga ed implacabile malattia. Come preannunciato la curva sud ha dedicato una coreografia con un mega striscione raffigurante il capitano ed un enorme numero 7, con l’aggiunta di un altro striscione recante la scritta: “Imbriani icona del calcio pulito”.

E sicuramente lui da lassù oltre a godere per il primo posto della squadra del cuore, quella che ha amato sempre, ha gioito per queste manifestazioni d’affetto. Del resto ricordiamo che prima di spirare aveva espressamente chiesto alla moglie ed ai familiari che voleva andare in quello stadio e possibilmente sotto la curva sud… “Imbriani vive con noi” hanno cantato gli ultras per un amore che sarà davvero infinito. Sicuramente queste manifestazioni d’affetto sono state tra le cose più belle di un’altra giornata importante per i giallorossi. Il fratello di Imbriani Gianpaolo che da alcune settimane si trova negli Usa dove anche nelle scuole sta diffondendo il messaggio del fratello, proprio stamani aveva postato sul suo profilo una foto dei funerali con la scritta: “E’ tornato quel maledetto giorno!!!”

Ciao Carmelo ti vogliamo bene