Il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha approvato due diverse Convenzioni con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Casa Italia per il finanziamento delle verifiche di vulnerabilità sismica ed eventuale progettazione di interventi di adeguamento sismico per due Istituti di Scuola Secondaria Superiore e cioè:

1)    Istituto “Rampone” in via Scafa di Benevento per un importo di Euro 25.449,00 per le verifiche ed Euro 192.245,00 per la progettazione;

2)    Liceo Artistico in via Tiengo di Benevento per un importo di Euro 35.820,00 per le verifiche ed Euro 202.083,00 per la progettazione;

Sempre con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Casa Italia, il Presidente ha approvato un’altra Convenzione per la progettazione antisismica relativa al Liceo Scientifico “Rummo” in via Santa Colomba di Benevento per un importo di Euro 318.480,00.

Tutte e tre le Convenzioni descritte diverranno esecutive nei prossimi giorni.

Inoltre il Presidente della Provincia ha approvato il progetto in linea tecnica del risanamento di una frana in località Toppa Infuocata nel Comune di Fragneto Monforte lungo la Strada provinciale 97 “Vitulanese II tronco” per l’importo complessivo di Euro 562.000,00. Con un ulteriore provvedimento è stato approvato il progetto definitivo-esecutivo per la messa in sicurezza ed il ripristino della funzionalità della Strada provinciale n. 60, utilizzando economie di gestione di un precedente intervento, per un importo di Euro 25.021.

 

****************************

Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha anche disposto una anticipazione di cassa dell’importo di Euro 300mila per consentire il pagamento delle spettanze dovute agli operai forestali della Provincia. Il provvedimento si è reso necessario in quanto la Regione Campania non ha ancora accreditato i relativi fondi presso il Tesoriere della Provincia come avrebbe dovuto secondo le disposizioni e il Contratto regionale. Pertanto il Presidente Di Maria, anche per evitare danni economici allo stesso Ente e comunque per corrispondere il dovuto agli operatori del settore, ha disposto l’anticipazione di cassa in attesa del rimborso regionale.