Prefettura-350x262[1]Dopo la dichiarazione dello stato di emergenza deliberata dal Consiglio dei Ministri, i referenti di funzione del Centro Coordinamento Soccorsi, attivato immediatamente dal Prefetto Galeone fin dalle prime ore degli eventi alluvionali del 14/15 ottobre, si sono riuniti presso il Palazzo del Governo per verificare la permanenza di ulteriori situazioni di emergenza e di esigenze di soccorso.

Al termine della riunione si è concordata la chiusura dell’attività di coordinamento  posta in essere dal C.C.S. che ha operato ininterrottamente, fino alla data odierna, per attivare gli interventi necessari a gestire tempestivamente ed adeguatamente le problematiche scaturite dall’eccezionale evento.

Sono state giornalmente impegnate per l’attività di soccorso 41 Associazioni di Volontariato Regionale, per un totale di circa 3.200 unità, oltre alle colonne mobili, sopraggiunte il 20 ottobre da Umbria, Lazio, Marche e Toscana e 6 Associazioni Nazionali di Volontariato mobilitate dal Dipartimento della Protezione Civile.

Le attività di soccorso, inoltre, hanno visto impiegate giornalmente 20 unità dell’Esercito, 21° Reggimento Genio Guastatori,  gradualmente ridotte dal 27 ottobre, per un totale di 331 presenze  ed   il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha effettuato circa 1200 interventi.

Il Sindaco di Benevento, presente alla riunione, ha ringraziato i componenti del Centro Coordinamento Soccorsi che hanno fornito un apporto risolutivo e tempestivo alle esigenze dettate dalla grave emergenza ed ha comunicato che rimarrà ancora attivo il C.O.C. per la gestione delle problematiche cittadine ancora non risolte o per quelle che eventualmente dovessero ancora emergere.