Coda, Coda, Coda. Tre acuti nel giorno di Pasquetta, tre colpi al Verona e alle sue ambizioni da quarto posto. Il Benevento si è preso il big match del Bentegodi blindando la posizione che vale l’accesso diretto alle semifinali play off. Alle spalle ha rallentato anche il Pescara, che deve ancora riposare ed è distante tre lunghezze. Non si può ancora parlare di ipoteca, perché di partite alla fine ne mancano ancora quattro e non sono nemmeno tutte semplici. Si parte dal Cosenza, che dopo la vittoria sullo Spezia ha strizzato l’occhio alla zona alta della classifica, poi sarà il turno della trasferta di Crotone, della gara interna con il Padova e del gran finale al Rigamonti di Brescia, in un giorno che potrebbe vedere la squadra di Corini festeggiare il ritorno in serie A dalla porta principale. Sarà importante, per Bucchi, sciogliere alcuni nodi in vista dei play off. Uno di questi sta provvedendo a risolverlo Samuel Armenteros, che con una prestazione di sostanza e qualità si è candidato al ruolo di partner di Coda per la fase calda della stagione. E’ innegabile che con lo svedese accanto il numero nove riesca a trovare più spazio per far male, facilitato anche dall’incisività degli strappi di Ricci e dal supporto costante di Viola alla manovra in mediana. Questione di meccanismi e qualità, quella che è mancata troppo spesso in questa stagione, soprattutto nel periodo in cui la Strega è caduta tre volte di fila con Livorno, Cremonese e Spezia. Ora che i giallorossi hanno scelto di virare nuovamente sul gioco offensivo, gli orizzonti sono cambiati. Miglior attacco del campionato considerando le ultime cinque gare ma anche diversi gol subiti a causa di un equilibrio precario soprattutto sulle corsie esterne. Ed eccolo, allora, l’altro nodo di questo nuovo Benevento. Con Letizia al posto di Improta sulla corsia sinistra la squadra sembra avere più equilibrio, ma l’esperimento che vede protagonista l’ex Salernitana, giocatore dalle spiccate doti offensive, è uno dei più stimolanti messi in mostra da Bucchi nelle ultime settimane, con risultati alterni. Equilibrio o azzardo? Il dilemma è tutto lì. Intanto testa al Cosenza. Ora no, non si può più sbagliare. 

Francesco Carluccio per Corriere Sannita

Scarica qui il numero 15 di Giallorossinews numero 15 web