Durazzano 2Martedì 14 ottobre, presso la Sala Consiliare del comune di Durazzano si è tenuto, alla presenza di un nutrito gruppo di cittadini, il Consiglio comunale.

Prima dell’inizio del Consiglio, il Sindaco Alessandro Crisci ha conferito una targa di riconoscimento al dottor Vincenzo Posillico per l’impegno, il rigore e la professionalità profusi nell’attività di docente prima e di dirigente scolastico poi.

Successivamente si è aperto il Consiglio comunale, come di consueto con la lettura ed approvazione della seduta precedente, votata favorevolmente all’unanimità. Sul secondo punto, verifica della quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie, e sul terzo, piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare comunale, ha votato solo la maggioranza mentre si è astenuta la minoranza. Dal quarto punto in poi l’aula ha iniziato a scaldarsi. Questo punto, infatti, prevedeva l’elenco annuale 2014 e il programma triennale 2014/16 dei lavori pubblici. Il consigliere di minoranza, Rocco Abbatiello, ha però chiesto al segretario di mettere a verbale l’irregolarità, da lui sostenuta, riportata in alcune cifre di alcuni lavori pubblici. Ad un certo punto è sembrato assistere ad un interrogatorio della minoranza, precisamente di Rocco Abbatiello e Marcello Abbatiello, nei confronti della maggioranza sul tema del programma triennale 2014-16 provvisorio dei pubblici lavori. Si è giunti quindi alla votazione ma soltanto la maggioranza è stata favorevole, mentre la minoranza ha comunicato che avrebbe fatto visionare il programma provvisorio agli organi competenti.

Si è passati poi al quinto punto che prevedeva la votazione del programma per l’affidamento di incarichi di collaborazione per l’anno 2014. Il punto è stato votato all’unanimità, con la maggioranza che ha fatto mettere a verbale che avrebbe rinunciato a qualsiasi tipo di indennità. La minoranza, a questo punto ha rilanciato che non avrebbe fatto a meno dell’indennità ma che il denaro sarebbe stato utilizzato, in caso di necessità, per i bambini delle scuole elementari.

L’aula si è scaldata ulteriormente quando si è iniziato a discutere il bilancio di previsione dell’esercizio 2014, tema molto sentito e che ha visto al centro di tutto, la sospensione dell’architetto Aragosa, poi reintegrato dal giudice del lavoro. La maggioranza, ancora una volta, ha fatto la voce grossa attraverso il vice sindaco Antonio D’Iglio che, durante il suo intervento ha tracciato l’elenco di tutti i lavori che l’architetto Pasquale Aragosa all’epoca si autoliquidava in più, rispetto a quelli previsti, per un totale di 13.000 euro, soldi che, secondo D’Iglio, anche il giudice del lavoro nell’ordinanza sostiene non gli spettassero. Sempre in tema di approvazione del bilancio, i 6 emendamenti presentati dalla minoranza sono stati respinti dalla maggioranza perché ritenuti inammissibili dal punto di vista tecnico contabile e soprattutto difettosi nella costruzione logica giuridica, in quanto in tutti non è presente la mancata reintegrazione in servizio del dipendente architetto Pasquale Aragosa. Il sindaco Crisci,  per quanto riguarda i lavori non eseguiti in località Campolopisco, ha comunicato che la ditta presente nella zona Pip ha chiesto al comune il risarcimento dei danni per il mancato allacciamento all’impianto elettrico e altri vari servizi.

In conclusione, lo schema di bilancio è stato approvato dalla maggioranza, mentre dall’opposizione arriva il no. Sugli ultimi due punti all’ordine del giorno, lavori urgenti al campo sportivo comunale per l’impianto di illuminazione e la gestione degli impianti sportivi, c’è stata la fiducia della maggioranza ma l’opposizione si è astenuta.

no images were found