A Ceppaloni ha sede una delle poche aziende – ad oggi sette su tutto il territorio nazionale – autorizzate dall’Istituto Superiore di Sanità a produrre e commercializzare le tanto ricercate “mascherine chirurgiche”.

Certificazione non semplice da ottenere, basti pensare che sono diverse centinaia le aziende che in circa un mese ne hanno fatto richiesta e che hanno messo in campo team di esperti, università, enti e quant’altro per riuscire nell’intento.

“AL Production” di Angelo Librera, è un’azienda piccola e con pochi dipendenti, ma non si è lasciata intimidire. La lungimiranza dell’imprenditore, il parco macchine e la tecnologia acquisita nel tempo, il poter contare su un gruppo di persone competenti, flessibili ed aperti alle sfide hanno permesso fin da subito di attivare le azioni necessarie per una conversione della produzione. Un lavoro di gruppo passato per lo studio dei materiali e nel mettere assieme le idee e le competenze ha portato al risultato finale di un prodotto di qualità e soprattutto efficace.

“E’ un periodo particolare quello che stiamo vivendo – racconta Angelo Librera – sono giorni in cui è difficile sperare in un domani di normalità. Nei giorni scorsi mi sono trovato difronte al bivio della scelta di dover chiudere o andare avanti. Il pensiero è andato subito alle famiglie dei dipendenti con cui da anni condivido la mia esperienza imprenditoriale ed è proprio con loro che abbiamo deciso di avventurarci in questa sfida. Siamo ovviamente contenti del risultato ottenuto ma non lo vediamo assolutamente come un traguardo, c’è ancora tantissimo da fare. Non ci sono però solo cose positive, resta il rammarico di ritrovarci praticamente da soli. Abbiamo il pieno sostegno ed appoggio del Sindaco Ettore De Blasio che è stato al nostro fianco fin dal primo momento”.

“In piena emergenza covid19” ha spiegato il primo cittadino di Ceppaloni Ettore De Blasio, “ho intuito l’importanza del progetto, e fin da subito ho sostenuto gli sforzi di questa realtà produttiva presente sul territorio di Ceppaloni. Inoltre, questo mi ha permesso, e lo dico con una punta d’orgoglio, assieme alla mia amministrazione, di essere tra i comuni che per primo ha distribuito mascherine protettive ad ogni nucleo familiare residente nel Comune. All’imprenditore auspico un futuro ricco di soddisfazioni”.