I giallorossi con la serie A già in tasca da lunedì notte a Crotone subiscono la seconda sconfitta stagionale. Un sapore inedito, visto che l’ultima risale al lontanissimo 26 ottobre, ben 251 giorni, una eternità. E diciamo subito che da un punto di vista della classifica non cambia niente, mentre per quanto riguarda il discorso morale e dei record qualcosa tange. Il Benevento infatti non riesce a eguagliare il record del Perugia che per tutta la stagione aveva perso solo una volta, ma ce ne sono altri nel mirino. C’è poi come dicevamo l’aspetto morale. I tifosi ci tenevano a rendere la vita difficile ai calabresi nemici storici da circa venti anni e protagonisti di grandi beffe per non dire ruberie come nei play off del 2004, ma come si sa le motivazioni fanno la differenza ed i giallorossi allo Scida non sono proprio scesi in campo. Protagonista della serata è stato il lungo attaccante di colore del Crotone Simy, quasi un Watussi che ha realizzato una tripletta. Quasi mai in partita i sanniti con alcuni elementi come Schiattarella stanchi e praticamente irriconoscibili. Da rivedere ancora una volta Moncini, Improta preferito a Sau che forse non era al meglio e Volta. Ma non è il caso di fare pagelle o altro. Resta la splendida realtà di una serie A conquistata con sette giornate d’anticipo e la gioia non può essere guastata da questa battuta d’arresto. Per la cronaca tra i giallorossi erano assenti Caldirola e Viola.

Crotone-Benevento 3-0

Crotone (3-5-2): Cordaz; Golemic,  Marrone (84’ Curado), Cuomo; Gerbo (81’ Mustacchio), Benali (84’ Crociata), Barberis, Zanellato (70’ Gomelt), Molina;, Barberis, Zanellato (70’ Gomelt); Simy (80’ Armenteros), Messias. A disp: Figluzzi, Festa, Gigliotti, Bellodi, Maxi Lopez, Lambert, Ruggiero. All. Stroppa

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Maggio, Volta, Tuia, Letizia (84′ Rillo); Del Pinto (54’ Sau), Schiattarella (54’ Hetemaj), Tello; Insigne (64’ Kragl), Improta;  Moncini (64’ Di Serio). A disp. Manfredini, Gori, Pastina, Basit, Gyamfi, Alfieri. All. Inzaghi

Arbitro: Aureliano di Bologna (Cipressa di Lecce e Avalos di Legnano). Quarto uomo Longo di Paola

Reti: 14’, 18’, 71’ Simy 

Note: Si è giocato a porte chiuse per le misure anti-covid. Ammoniti: Del Pinto, Letizia, Simy, Schiattarella, Volta, Kragl, Cuomo.