Scoperta dai Carabinieri coltivazione di marijuana nascosta tra piante di zucchine e fagiolini

zucchineI Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, questa mattina, hanno portato a termine un ulteriore sequestro di piante di marijuana coltivate in proprio, dopo avere fatto irruzione all’interno dell’abitazione sita nei pressi di Ponte Leproso di un nullafacente, 41enne, incensurato. I militari, dopo avere avuto accesso anche nell’orto attiguo all’abitazione, durante la perquisizione hanno rinvenuto e sequestrato, nascoste tra alcune piante di ortaggi, tre piante di marijuana con alto fusto e di altezza di quasi 3 metri, tutte rigogliose ed in buone condizioni vegetative.

Originale l’espediente escogitato dal 41enne per nascondere alla vista le piante dello stupefacente ed evitare così potenziali problemi: le piante erano, infatti, collocate tra alcune file di piante di zucchine e fagiolini; quest’ultime, essendo notoriamente anch’esse di fusto abbastanza slanciato, fungevano da copertura per quelle di marijuana. Il tutto era asservito anche da un impianto di irrigazione di fattura artigianale realizzato sempre dall’uomo; per cui l’acqua utilizzata, oltre che per irrigare l’orto, serviva anche per corroborare le piante dello stupefacente garantendogli così un apporto costante per evitare che si seccassero.

La successiva perquisizione domiciliare eseguita nelle stanze dell’abitazione dell’uomo, ha consentito anche di rinvenire e sequestrare  due grinder metallici usati per sminuzzare lo stupefacente, nonché un bilancino elettronico di precisione da utilizzarsi per la pesatura.

Anche quest’ultima operazione rientra nella penetrante attività info-investigativa disposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Benevento volta a contrastare il fenomeno della coltivazione di piante di stupefacente: dall’inizio del mese di giugno di quest’anno gli uomini dell’Arma hanno complessivamente rinvenuto e sequestrato, in varie località della provincia sannita, ben 200 piante circa di marijuana, nonché altrettanti semi della medesima sostanza.

Lascia un commento