Al De Blasio di San Lupo manifestazione di chiusura de ‘L’arte in gioco’

pon san lupo 2Si è conclusa ‘L’arte in gioco’ del Programma Operativo Nazionale scelto dalla Scuola Primaria di San Lupo, dell’Istituto Comprensivo Statale ‘Abele De Blasio’ di Guardia Sanframondi, guidato dalla prof.ssa Silvana Santagata. Gli alunni, impegnati nell’attività di ceramica, sono stati seguiti dagli esperti  Grazia Patrizia Cappella e  Giacobbe Falato e dalle docenti tutor Anna Guerrera e Angela Piatto,  che hanno lavorato in sinergia creando un ottimo e riuscito percorso, che ha interessato e incuriosito non poco i ceramisti in erba attraverso l’elaborazione di numerosi piccoli oggetti.  “L’esperienza laboratoriale – hanno dichiarato le insegnanti – ha dato l’opportunità ai ragazzi di stimolare e sviluppare la loro innata creatività, attraverso la manipolazione di un materiale semplice e naturale come l’argilla”.“Modellare la materia – hanno aggiunto – oltre ad essere stato piacevole e divertente, ha insegnato ai ragazzi ad acquisire sicurezza nelle loro capacità di intervenire in prima  persona nel processo  creativo, permettendo loro di accrescere autonomia e autostima, capacità critiche e progettuali”.  Per la manifestazione finale, tenutasi negli spazi della scuola primaria di San Lupo, è stata allestita una mostra dei lavori che ha avuto per prologo un piacevole spettacolo che ha visto il coinvolgimento anche degli alunni della scuola dell’Infanzia, dal titolo ‘Per le strade del Mondo… in Europa-Uniti nella diversità’, messo su come un divertente ma espressivo viaggio attraverso i vari paesi europei con sketch, canti, balli e degustazioni di piatti tipici; questi ultimi, preparati dalle mamme, per la loro varietà e bontà hanno impreziosito l’evento.  Gli alunni coinvolti sono stati: Gugliotti  Marco, Vaccarella Annapia, Gasbarro Anna Carmela, Musto Martina, Musto Mara, Ferrara Filomena, Ruggiero Mario, Scala Francesca Pia, Vaccarella Luca, Di Nallo Alessandro, Di Palma Angelica, Ferrara Lorenzo Pio, Franco Martino, Perugini Matteo e Velardi Chiara.

Lascia un commento