Ricci sugli attacchi del primo cittadino: “Ho spesso di interloquire con Mastella un decennio fa e non me me pento”

ricciIl Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci ha diffuso la sua seguente nota in merito ad alcune affermazioni attribuite all’on. Clemente Mastella, Sindaco di Benevento.

“Non è che interloquire con Clemente Mastella mi esalti. Ho smesso di farlo qualche decennio fa e non ne sono affatto pentito. Del resto, per me sarebbe stato oggettivamente difficile correre dietro a tutti i suoi salti e giravolte da un Partito all’altro o, peggio, da uno schieramento all’altro.
Tuttavia, sono stufo dei suoi giudizi nei miei confronti e della mia azione di Presidente della Provincia.
Faccio notare a Mastella che, se si fosse trovato ad affrontare i devastanti problemi amministrativi che mi si sono parati davanti in questi due anni alla Provincia, lui avrebbe alzato bandiera bianca dandosela a gambe. Lui che che non ha saputo sciogliere nemmeno il nodo della mensa scolastica. Dopo una Campagna elettorale pirotecnica, condita da promesse fantasmagoriche di rinascita, Mastella ha poi cominciato a dire di non conoscere bene l’esatta situazione in cui versava il Comune capoluogo. Infine ha dichiarato il dissesto economico, sottovalutando che questo provvedimento è la morte civile della città. Altro che parlare e promettere sviluppo: con i “triccaballacche” non si va da nessuna parte. Si illudono soltanto i cittadini.
Certamente non è sua la responsabilità di ciò che ha trovato; ma è sua la responsabilità di aver fatto promesse in sede di campagna elettorale e poi di essersi subito arreso una volta giunto sulla poltrona più importante di Palazzo Mosti.
O lui non conosceva la pesantezza della situazione, oppure ha mentito, nel senso che era conscio di non poter onorare quelle promesse. Sia in un caso che nell’altro il comportamento di Mastella è da censurare ed è ora che cominci a dare delle spiegazioni esaurienti ai cittadini.
Lui non ha mai partecipato, sebbene invitato, alle riunioni delle Assemblee dei Sindaci che ho convocato in questi sette mesi per discutere di vicende importanti che riguardano il Sannio. Non si è presentato nei giorni scorsi nemmeno a quella per il Bilancio della Provincia, che invece altri Sindaci, insieme con me, hanno voluto approvare per non paralizzare quello che è il nostro ma che è anche il suo territorio. Quando Mastella esprime giudizi sul mio operato dovrebbe avere l’onestà intellettuale di ricordare che quella di Benevento è tra le poche Province nel Mezzogiorno ad averlo approvato, un Bilancio. In questi due anni abbiamo affrontato problemi drammatici a cominciare da quelli creati dall’alluvione, eppure abbiamo messo in campo interventi urgenti e senza intoppi.
Mentre qualche suo Assessore con comportamenti assolutamente sconsiderati, diffondendo notizie false, ha impedito a centinaia di cittadini, e proprio di Benevento, di presentare istanza di ristoro per i danni subìti ai propri beni privando dunque il territorio di ingenti risorse finanziarie. Basterebbe questo ad indurre un Amministratore prudente ed accorto a chiedere umilmente scusa e ad abbandonare toni vanagloriosi. Ma ad ognuno il suo stile! Come quando afferma di non vol dialogare con l’unico uomo di Governo sannita che c’è e millantando rapporti “ministeriali” che assolutamente non esistono. Sarebbe ora che i toni della politica tornassero ai problemi seri, concreti, così come ha chiesto anche il Presidente della repubblica. Io lo faccio quotidianamente e, per quanto riguarda il Pd, e soprattutto le critiche e i vaneggiamenti rivolti allo stesso da Mastella, questi assomigliano molto a quel disprezzare l’uva da parte della volpe … A buon intenditor poche parole”.  

Lascia un commento