Rating di legalità, tenuta ieri la conferenza presieduta dal Prefetto Galeone

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIl Prefetto Paola Galeone ha presieduto, ieri mattina, la conferenza provinciale permanente per approfondire il rating di legalità, introdotto dal decreto legge c.d. ‘Cresci Italia’ e finalizzato principalmente alla promozione della legalità ed all’inserimento di princìpi etici nei comportamenti aziendali.

Presenti alla riunione, oltre ai rappresentanti degli uffici statali presenti in provincia, anche il Presidente della Camera di Commercio nonché i rappresentanti della Regione e della Banca d’Italia.

L’incontro ha costituito l’occasione per promuovere la divulgazione della conoscenza delle agevolazioni alle quali possono accedere le imprese che soddisfino i requisiti del rating individuati con regolamento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato.

 Il Prefetto ha introdotto la riunione sottolineando l’attualità dell’argomento in considerazione che dal prossimo 7 agosto saranno operative le modalità in base alle quali le Pubbliche Amministrazioni, nel caso in cui debbano adottare provvedimenti di concessione di finanziamento ad imprese, sono obbligate a tener conto del rating attribuito nonché a verificarne la permanenza. Anche gli istituti bancari nell’esaminare le richieste di accesso al credito delle aziende sono tenuti a verificare il rating assegnato.

 Sono stati quindi illustrati i requisiti che devono possedere le imprese per ottenere il rating da parte dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, tra i quali, la mancanza di condanne nei confronti degli amministratori, il rispetto della sicurezza sul luogo di lavoro, il regolare versamento degli oneri contributivi, l’iscrizione nelle white list, l’adesione ai protocolli di legalità e la tracciabilità dei pagamenti.

 Il rating, misurato attraverso l’assegnazione di stellette, può essere richiesto dalle imprese che operano in territorio nazionale, iscritte da almeno due anni nel registro delle imprese e che abbiano un fatturato non inferiore a due milioni di euro.

 Al Prefetto, che ha chiesto ai presenti le proprie valutazioni al riguardo, il Presidente della Camera di Commercio Campese, considerato che le imprese presenti in provincia sono di medie e piccole dimensioni, ha segnalato l’esigenza che sia ridotta la soglia dei 2 milioni di fatturato annuo, onde consentire anche alle imprese sannite di accedere ai sistemi di premialità collegati all’istituto in questione.

 L’elenco aggiornato delle imprese con il rating a ciascuna di essa attribuito è disponibile sul sito web dell’Agcm all’indirizzo: www.agcm.it/rating-di-legalita.html.

Lascia un commento