Prosegue l’impegno dell’associazione ‘Io più forte di…TE’ a sostegno della donna oncologica

IMG_1223E’ tornata a riunirsi l’associazione “Io più forte di…TE” che si occupa da tempo del sostegno e della corretta informazione per la donna sia nel pre che nel post cancro. L’associazione, effettua, un servizio d’informazione ai malati affetti da cancro, attraverso l’organizzazione di incontri / convegni rivolti ai pazienti e non solo. Vuole essere un punto di riferimento per le donne colpite da tumore per l’informazione ed il sostegno psicologico riguardo a tale stato di disagio. L’Associazione promuove iniziative per diffondere la cultura della prevenzione per una diagnosi precoce. Se sempre più numerose sono le donne colpite da tumore, sempre di più sono quelle che sopravvivono alla malattia quando essa è diagnosticata in tempo. Molto spesso le donne operate sentono il bisogno di confrontarsi e parlare liberamente con altre donne che hanno vissuto la stessa esperienza, che vogliono vivere questo evento traumatico come un momento di rinascita. Anche la prevenzione, la giusta alimentazione, la corretta informazione e anche l’aspetto legale con i diritti riservati alle persone oncologiche, sono di sicuro di forte aiuto a chi viene investito da questa grave problematica. “Quindi, dopo un anno, quello 2016, di intensa attività a sostegno di una problematica tanto diffusa e delicata, ci siamo riunite per programmare per il nuovo anno una serie di incontri/convegni sulla materia. Abbiamo riscontrato sul campo che promuovere un’azione solidale a favore della donna che combatte con questa brutta malattia oltre ad essere incisiva nella sostegno morale è altamente terapeutica, in quanto la paziente ha decisamente bisogno di avere conforto e vicinanza morale. Ed è per questo che abbiamo deciso di organizzare dei convegni sul tema che vogliono sempre più porre al centro dell’attenzione questa problematica che assume sempre più connotazioni preoccupanti per il crescente numero che si registra. Coinvolgeremo, oltre che le professionalità presenti sul nostro territorio locale, anche illustri ricercatori e medici provenienti da gran parte dell’Italia, che attraverso le loro esperienze maturate sul campo e gli ultimi risultati in materia di ricerca vorranno costituire una vera alleanza contro il cancro ovarico e non solo”.

Lascia un commento