Progetto ‘Taburno a km 0’, spazio di incontro tra produttori e consumatori

campagna amica2E’ stato presentato ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa presso la sede della Coldiretti Benevento, il progetto ‘Taburno a Km 0: fattorie e mercati di Campagna Amica’, un intervento che rientra nella sottomisura 411 – Intervento 2.2 b ‘Centro per la valorizzazione della filiera corta’ del PSR Campania 2007/2013 di cui è beneficiario l’associazione ‘Agrimercato del Sannio’.

Il progetto, ha come finalità prioritaria la creazione di uno spazio di incontro tra produttori e consumatori, grazie all’utilizzo di attrezzature mobili in grado di essere facilmente trasportate e montate in aree territoriali differenti in modo da agevolare una promozione e valorizzazione dei prodotti più capillare e diffusa, favorendo nei consumatori la conoscenza e la consapevolezza della qualità delle produzioni dell’area Gal Taburno.

Si prevede l’organizzazione di sette eventi in Provincia di Benevento, con il coinvolgimento delle 41 aziende ricadenti nell’area Gal Taburno e associate ad Agrimercato del Sannio. L’organizzazione di ogni evento prevede l’allestimento del centro per la valorizzazione della filiera corta. Tali eventi consentiranno di esaltare le qualità intrinseche dei prodotti del territorio sannita in ordine al gusto, alle metodologie produttive e alla qualità alimentare facendo incontrare direttamente gli imprenditori agricoli con i cittadini consumatori.

Oltre alla previsione di operare in spazi aperti, è stato individuato anche un luogo fisico, che fungerà non solo da sala espositiva permanente ma anche da info-point e consentirà l’organizzazione di eventi e degustazioni a tema con il supporto di figure specializzate che accompagneranno i consumatori nella conoscenza delle tecniche di assaggio e delle metodologie di produzione.

“La nostra associazione – ha affermato Armando Di Giambattista, presidente di Agrimercato del Sannio – si è orientata in un discorso di filiera corta cioè un’articolazione verticale che presuppone la collaborazione con gli attori del territorio. Si tratta di un progetto itinerante per intercettare ulteriori opportunità ed intessere ulteriori rapporti”.

Il coordinatore del Gal Taburno Costantino Caturano ha sottolineato che: “Questo progetto è motivo di grande orgoglio perché il Gal Taburno è l’unico Gal della Campania ad aver realizzato questa misura. L’obiettivo è stato quello di promuovere le eccellenze del nostro territorio attraverso un centro fisico ma dinamico”.

Luca Mauriello di Studio Project Management ha illustrato i dettagli del progetto e, tra l’altro, ha precisato che lo stesso prevede un centro mobile ed una sala espositiva con incontri a tema dove troveranno spazio le produzioni vitivinicole, ortofrutticole, oleicole, casearie, conserviere e delle carne dei comuni ricadenti nell’areale del Gal Taburno.

Secondo il dirigente dello Stapa Cepica Luigi Baccari: “E’ necessario dare degli input ai consumatori come può avvenire attraverso un’azione di filiera corta e di offerta di prodotti a Km zero. In ogni progetto occorre preferire degli eventi che hanno l’obiettivo di stimolare la curiosità dei consumatori. E’ un discorso difficile da attuare ma una volta realizzato procura risultati efficaci”.

“Dietro questo progetto – ha concluso il presidente di Coldiretti Benevento Gennaro Masiello – ci vedo il volto nuovo dell’agricoltura con una presenza forte sul territorio. Il progetto è una scommessa che può dare una traiettoria di futuro ai tanti giovani in cerca di occupazione. I giovani così facendo possono pensare di rimanere in azienda. I Gal sono soggetti sui quali investire nella prossima programmazione 2014 – 2020”.

Lascia un commento