Le visite dei Presidenti della Repubblica a Benevento, il nuovo libro di Bruno Menna

copertinaBruno Menna lancia il suo nuovo libro dal titolo “Ospiti eccellenti”, da ieri nelle librerie e nelle edicole di Benevento. Sono sei i presidenti della Repubblica che hanno visitato ufficialmente Benevento e il Sannio: Luigi Einaudi (1 luglio 1950), Antonio Segni (30 agosto 1962), Giuseppe Saragat (15 giugno 1967), Francesco Cossiga (21 dicembre 1991), Oscar Luigi Scalfaro (3 marzo 1996) e Carlo Azeglio Ciampi (2 ottobre 2002).

Nel libro “Ospiti eccellenti” (Aesse Stampa) viene raccontato come e perché, ripercorrendone le tappe con foto, aneddotti, discorsi ufficiali e qualche risvolto inedito.
Un viaggio storico-cronachistico lungo 54 anni, dal primo luglio del 1950 al 2 ottobre del 2002. Attraverso vicende e vicissitudini politiche, economiche e sociali tra le più svariate: dall’inaugurazione della Fiera campionaria alle celebrazioni per il 50esimo anniversario di vita repubblicana della Provincia, dalla Medaglia d’oro alla città all’omaggio alle sue vestigia, dalla distruzione provocata dal terremoto alla faticosa ricostruzione.
Sei presidenti della Repubblica, dunque, che hanno fatto tappa in città e anche in provincia: ad Airola, Santa Croce del Sannio, Telese e nei comuni disastrati dal sima del 1962 e del 1980: Apice, Buonalbergo, Molinara, Paduli, Pago Veiano, Paolisi, Pietrelcina, Sant’Arcangelo Trimonte.
Con loro, le consorti (quasi sempre) e alte cariche dello Stato, da Andreotti a Pertini, dal presidente della Corte Costituzionale al Capo della Polizia.
Ad accoglierli prefetti, sindaci, presidenti della Provincia, arcivescovi e tanti rappresentanti “locali” del Parlamento e del Governo.

Ad arricchire il libro, che descrive anche molte visite dei premier e dei presidenti di Camera e Senato, c’è la postfazione di Luciano Lombardi, il giornalista sannita che, per conto del Tg1, ha narrato i settennati di Sandro Pertini, Francesco Cossiga e Oscar Luigi Scalfaro. Non mancano riferimenti alla visita “privata” in città compiuta dal presidente emerito Giovanni Gronchi e da sua moglie Carla Bissatini.

 

Lascia un commento