Pellegrinaggio fotocopia, imbarazzo per i due comitati organizzatori

locandina pellegrinaggioStrani scherzi del destino… Domenica 29 giugno, alle ore 7.30, da piazza Manente  a Morcone, partiranno due pellegrinaggi a piedi. Stessa ora, stesso luogo di partenza ed un’unica meta: il Santuario diocesano ‘Santa Lucia’  di Sassinoro. Gli organizzatori, cioé la parrocchia di Morcone ed il comitato cittadino ‘La nostra terra, il nostro futuro’, dunque hanno programmato un evento equipollente e, per una semplice casualità, hanno scelto pure la medesima data. 
L’episodio ha generato un leggero imbarazzo sia tra i responsabili che tra la popolazione, ma con un po’ di buona volontà si supera l’empasse. Poco conta chi abbia partorito prima l’idea, e ancor meno interessa chi sia stato il pioniere a tracciare l’itinerario. Ciò che desta attenzione è che ci sono due associazioni che nell’ultima domenica di giugno hanno scelto di raggiungere un luogo di pellegrinaggio a piedi, tra sentieri naturalistici. Certo, intenzioni e motivazioni saranno diverse, ma ciascun pellegrino, dinanzi all’altare, presenterà le sue invocazioni alla Santa venerata nell’alto Sannio  affinché in ogni situazione faccia vedere sempre il bene e purezza degli intenti. Il parroco, don Nicola Gagliarde, venuto a conoscenza dell’accaduto, ha immediatamente pubblicato una lettera invitando  tutti a riscoprire il senso di comunità e di fratellanza. I suoi scritti sono un’esortazione all’unione e non alla frammentazione.

“In questi giorni – spiega il sacerdote- per le strade della nostra Morcone vedrete esposti due manifesti aventi un’unica meta, il Santuario di S. Lucia. Non vi preoccupate, non ci vedete doppio. Unica è la meta ma diversi sono gli organizzatori.
Certo la confusione può essere totale anche perché sembra assistere ad una corsa contro il tempo a chi pubblica prima programmi e richieste.
  La parrocchia, però, non vuole essere ulteriore fonte di divisione nella comunità. Si sta cercando di andare avanti nella creazione di realtà che in sinergia costruiscono, e potete immaginare quanto questo non sia facile nella nostra comunità morconese e nel mondo intero, tanto che pure il Papa ha affermato che ‘Per fare la pace ci vuole coraggio, molto di più che per fare la guerra. Ci vuole coraggio per dire sì all’incontro e no allo scontro; sì al dialogo e no alla violenza; sì al negoziato e no alle ostilità; sì al rispetto dei patti e no alle provocazioni; sì alla sincerità e no alla doppiezza. Per tutto questo ci vuole coraggio, grande forza d’animo!’.
Tutti siamo liberi nel fare delle scelte, inseguendo ciò che riteniamo più giusto e più sano, per noi e per chi verrà dopo di noi! La parrocchia ha già cominciato questo progetto e ha invitato e inviterà sempre tutti a camminare su questa strada. Essa si pone come strumento di dialogo e mediazione tra i conflitti che si possono generare. Il mio auspicio è poter partire e camminare insieme con spirito di amicizia e fraternità, calpestando orme di pace ed unità.  
I due programmi paralleli non nascono da situazioni conflittuali ma da divergenti scopi. Ci vedremo anche se con modalità differenti sull’unica strada e poi al Santuario di S. Lucia, metteremo i passi gli uni dove li hanno messi gli altri… arriverà il tempo in cui li riusciremo a mettere assieme!”.

L’invito a partecipare al 1° Pellegrinaggio a Piedi sui passi della pietà popolare ‘Morcone-Sassinoro’ è esteso anche alle comunità limitrofe.
Il programma, studiato in ogni minimo dettaglio, prevede il raduno in piazza Manente alle ore 7.30 con successiva partenza (h. 8:00). L’arrivo al Santuario di S. Lucia è atteso intorno le ore 11:00, dove i pellegrini verranno accolti dal Parroco e dal Sindaco di Sassinoro. Alle ore 11.30 verrà celebrata la Santa Messa, presieduta da don Nicola Gagliarde, parroco di Morcone; seguirà, lungo le vie adiacenti al Santuario, la processione di San Pietro. Alle ore 13.30 verrà consumato il pasto (colazione a sacco o pranzo al Ristorante).  Per il rientro a Morcone ciascuno dovrà provvedere autonomamente. 

Lascia un commento