Pallavolo, Vitulano Volley ad un passo dalla C | Fotogallery della partita

vitulanovolley_playoff (1)Con un perentorio e veloce 3 a 0 (25-12; 25-10; 25-16) il Vitulano Volley supera il Real Bosco e mette una seria ipoteca sulla serie C. Ieri pomeriggio, in un PalaIadonisi stracolmo, si è giocata la finale di andata dei play off.

Concentrato fin dall’inizio, consapevole della propria qualità tecnica e forte della cavalcata in campionato che lo ha visto chiudere secondo con 60 punti (con un solo punto di svantaggio rispetto al Sant’Agnello), il sodalizio presieduto da Enrico Vetrone ha tenuto in mano la gara per tutto il tempo. Pochissimi gli errori in battuta, ricezione e difesa superlativa, attacco potente e preciso. Meccanismi oleati e motore a mille. Il Real Bosco (che si è classificato terzo nell’altro girone del campionato) ha pagato a caro prezzo errori e indecisioni mostrate in campo. In nessuna fase della partita ha impensierito gli avversari.
Il tecnico vitulanese Angelo Cioffi, in panchina insieme a mister Romolo Cassella, manda in campo il sestetto De Gennaro, Iglio, Pedicini, Fierro, Sparandeo, Penna. Nel ruolo di libero Alessandro Marchese. Il Real Bosco invece parte con Ascione, Cimmino, Annunziata, De Stefano, Montesano, Stallone. Sannino entra subito come libero.
Il Vitulano parte forte, non concede nulla agli avversari, accumula punti fino ad arrivare ad un parziale di 9 a 2. Il Real Bosco accusa il colpo. La timida reazione arriva troppo tardi. Il primo set si chiude 25 a 12. Il secondo set è la continuazione del primo. Sparandeo e compagni attaccano e difendono alla perfezione. Ogni azione è ragionata, i pochi errori commessi vengono subito corretti. Il palleggiatore Pedicini tenta qualche colpo a sorpresa, Marchese è immenso nei recuperi e De Gennaro e Iglio schiacciano una palla dopo l’altra. Il tecnico del Boscotrecase prova a cambiare qualcosa ma niente da fare. Il fallo di formazione a metà set dimostra tutta la difficoltà della compagine napoletana.
Nel Vitulano, intanto, l’ingresso di Iadonisi infiamma il pubblico. Il giovane vitulanese ringrazia a modo suo, mettendo a terra con potenza senza lasciare scampo agli avversari. Sul finire del set c’è spazio anche per i giovani beniamini di casa De Maria e Forgione. In battuta, un turno prolifico di Pedicini consegna al Vitulano anche il secondo set che si chiude 25 a 10.
L’inizio del terzo set sembra preannunciare un andamento diverso. La squadra di Cioffi va qualche minuto in standby mentre il Real Bosco ne approfitta rispondendo punto su punto fino a raggiungere la parità. Cioffi è costretto a chiamare il time-out per resettare tutto e riportare la squadra alla giusta tensione. Il Vitulano riparte anche se, stavolta, il sestetto avversario appare più convinto e più determinato. Ma è soltanto un fuoco di paglia perchè il parziale ritorna a favore della squadra di casa con una forbice che si allarga a dismisura. Il Vitulano ha ormai la gara in tasca. Sul 23 a 13 fa il suo ingresso in campo anche il giovanissimo palleggiatore Nicola Calabrese, classe ’97. La battuta al salto di Cosimo Forgione apre l’ultima azione della partita che si chiude con il punto decisivo di Tangredi. Il set finisce 25 a 16 nell’esultanza generale di squadra e tifosi. Tra una settimana finale di ritorno ai piedi del Vesuvio e verdetto finale.

(Le foto sono di Antonella Iannuzzi © 2014 – Vietata la riproduzione)

 

Lascia un commento