A Napoli la I edizione del premio ‘Italians in the World’, manifestazione che unisce la beneficenza alla musica

IMG-20170506-WA0001L’Associazione sannita ‘Italians in the World’ è ancora una volta al fianco del ‘Centro Aiuti per l’Etiopia’ per una iniziativa benefica. Si è posta, infatti, un nuovo ed interessante obiettivo: contribuire alla costruzione della chiesa intitolata a ‘San Pio da Pietrelcina’ a Gimbi.

A scendere in campo, per far sì che si realizzi il progetto, saranno i maestri della musica. L’Associazione, infatti, ha organizzato un concerto di arie liriche e romanze da camera, con il patrocinio del Comune di Napoli ed inserito nella programmazione di ‘Maggio dei Monumenti’, nella splendida cornice della Sala dei Baroni al Maschio Angioino, il 27 maggio, a cui hanno aderito con entusiasmo tenori, soprani e pianisti di varie parti del mondo: della Costa d’Avorio, della Corea, del Giappone, oltre che, naturalmente, dell’Italia.

Il concerto è intitolato ‘Lirica senza confini’ perché nasce dalla convinzione che la musica unisca i popoli e costruisca legami fra persone con affinità spirituali, valorizzando le differenze di culture ed etnie.

‘Italians in the World’, nella persona del suo Presidente, ingegnere Giovanni Campagnuolo, oltre a sostenere l’iniziativa di beneficenza, ha istituito anche un premio riservato a musicisti e cantanti italiani e stranieri impegnati a diffondere la cultura della lirica italiana nel mondo. La direzione artistica è affidata al tenore Fabio Andreotti e al compositore e direttore Claudio Luongo.

L’istituzione del premio prevede manifestazioni annuali sia in Italia che all’estero in cui saranno presenti personalità di spicco, nonché emergenti, del mondo della musica, dell’arte e della cultura.

L’evento si realizzerà con uno spettacolo in cui i protagonisti saranno gli stessi destinatari del riconoscimento.

Durante il concerto del 27 maggio si terrà la prima edizione del premio in cui verranno premiati il tenore ivoriano Juliano Fadio, la soprano coreana Hyewon Lee e la pianista giapponese Junko Mashima.

 

Lascia un commento